Berlusconi: «De Benedetti preso con le mani nella marmellata. Se fosse capitato a me…»

«Se fosse capitato a me, io sarei già in croce. Vediamo come la situazione andrà a dipanarsi… Vedo che il signor De Benedetti, i cui giornali hanno fatto campagna contro di me, oggi è stato preso con le mani nella marmellata, vediamo come si svolgeranno le cose…». Lo ha detto Silvio Berlusconi ai microfoni di Radio 105 parlando delle intercettazioni su De Benedetti e la vicenda del decreto sulle banche popolari.

Il leader di Forza Italia interviene anche nel dibattito del centrodestra. «Diamo garanzia di unità, siamo abituati a lavorare insieme e a mantenere gli impegni. Io penso di poter garantire che con la Lega non ci saranno difficoltà a stare insieme e governare. Così come escludo che in Parlamento la quarta gamba potrà fare scelte che vanno contro la decisione di allearsi con il centrodestra».

Quanto poi alle politiche del lavoro, Berlusconi precisa: «Io non ho mai detto di voler abolire il Jobs act. Penso chequesta sia stata una cosa interna alla coalizione che oggi è superata».  E sull’articolo 18? «Si possono tenere le cose come sono». Sul M5S, il leader di FI non risparmia infine la staffilata: «C’è il pericolo che una vittoria dei grillini possa distruggere la tenuta del nostro sistema economico-finanziario».