Benevento, migrante critica il Pronto soccorso. L’infermiera risponde: “Viva Salvini”

lunedì 29 gennaio 17:06 - di Carlo Marini

Ha avuto una vasta eco sui Social network e centinaia di condivisioni su Facebook la vicenda di un migrante, ospitato dalla Caritas di Benevento, che ha avuto un diverbio con un’infermiera. Lui, ghanese e musulmano, entrato  per un problema di lieve entità (lascerà l’ospedale dopo poche ore) se la prende con l’infermiera cristiana che non lo assiste celermente e che reagisce alle sue lamentele replicando con un secco: “Viva Salvini e viva l’Italia”.

Il migrante africano ospitato dalla Caritas di Benevento

Ecco il post del migrante africano, qui in Italia ospite della Caritas. «Sono qui al pronto soccorso – ha scritto su Fb Musah Awudu – per una visita. L’infermiera di turno non si sta preoccupando della mia salute è molto infastidita dalla mia presenza, quindi mi chiede perché sono venuto in Italia? Io: “Chiedimi del mio problema, per favore”. Lei: “No no, questo è il mio Paese e se non ti piace torna in Africa”. E comunque ha la croce e il quadro di Padre Pio appesi dappertutto. Io le ho fatto notare sfidando la sua fede e la sua professionalità. Si infastidisce ancora di più ” Viva Salvini.. Viva l’Italia.” Ha esclamato. Io sono ancora in fila per vedere il medico. Vi aggiorno ragazzi. Sono Musah, e sono in diretta dall’Ospedale civile».

il post del migrante africano

Il post del migrante africano

Qualcuno gli scrive su Fb: “Evita commenti stupidi”

Tra gli attestati di solidarietà degli amici del migrante africano, c’è anche chi gli fa notare la situazione esplosiva. «Premetto che condanno fermamente l’infermiera – scrive Antonio T. – Il suo comportamento è assolutamente ingiustificabile. Detto questo, sapendo quanti problemi ci sono intorno all’accoglienza degli immigrati, perchè “sfidare la sua fede”. Perchè contrapporre intolleranza all’intolleranza? Ripeto, non giustifico assolutamente gli intolleranti». E un altro utente Fb ricorda a Musah: «Ogni giorno, soprattutto nelle città del nord, c’è tanta gente come te, che si comporta male confronti degli italiani, e non ho sentito ancora arrivare le scuse né da te, né dalla gente del tuo popolo. C’è gente del tuo paese, che si comporta molto peggio. Ti consiglio di evitare questi stupidi commenti plateali».

I sindacati locali: “La versione dei fatti del migrante non è provata”

E contro la solidarietà pelosa al migrante, senza se e senza ma, interviene la federazione Fsi – Usae di Sannio e Irpinia, a firma del segretario Giovanni Tommaselli. “Come si fa a esprimere solidarietà incondizionata, chiedendo il licenziamento dell’infermiera se non si è a conoscenza della verità dei fatti? Sapete in quali condizioni di emergenza lavora il personale dell’ospedale di Benevento? Prima di giudicare, informatevi bene e non prendete per oro colato le parole del migrante”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Alessandro Montecuccoli 7 febbraio 2018

    A casa tua: la’ puoi protestare imbecille.
    E gli stupidi italiani che” “a prescindere…non approvo l’infermiera…ma….l’infermiera ha sbagliato..ma..” andate
    anche voi in Africa, comunistoidi…

  • edgardo 3 febbraio 2018

    premetto che non sono fascista ne razzista ne xenofobo e ne ignorante…ma se le multinazionali continuano a sfruttarli in casa loro..questi verranno sempre a cercare quel misero lavoro in Italia…ed è un problema serio

    • Alessandro Montecuccoli 7 febbraio 2018

      Bravo Edgardo…premetti, premetti…ma di cosa hai paura?

  • flavio 1 febbraio 2018

    Io quello che non riesco a capire, ma questa gente questi ipocriti, che vendono il proprio paese per un pugno di voti, perchè qui si tratta di voti. Fino a quanto pensano che la corda resista ancora……….

  • vittorio sciullo 30 gennaio 2018

    alla signora PRESIDENTA sul fatto del “maometto dove lo metto” bisogna dire chiaramente che le sue risorse non devono stare nelle scomode villette fornite dalle coop ma che il loro posto, dove starebbero “da maometto”, è il TUCUL , con la gioia loro e della PRESIDENTA

    • dino elle 1 febbraio 2018

      EMIGRAZIONE:
      la marea di stranieri che invade l’Italia è inarrestabile( anzichè restare nel loro Paese e combattere la feccia che li domina ,li affama e li uccide),eppure basterebbe farsi un esame di coscienza e ammettere che la colpa è di chi ha votato per PD-FI-LEGA-UDC-NCD-FDI,partiti che hanno partecipato e partecipano alle tante guerre con spese miliardarie che creano non solo devastazioni e morte,ma anche la marea di invasioni umane,specialmente chi ha votato Berlusconi e LEGA che hanno voluto la Legge attuale
      sull’emigrazione è la
      1. “LEGGE BOSSI/FINI

      2..la titanica SANATORIA (voluta e votata da FI+LEGA),
      inoltre
      chi si lamenta sulla quantità impressionante di extracomunitari che affollano le nostre città,deve prendersela con la Legge voluta e votata da PDL (ora FI) e LEGA,una SANATORIA di circa 800.000 ottocentomila immigrati i quali senza i dovuti controlli visto il nunero pazzesco,ottennero permessi di cittadinanza e di soggiorno:
      l’ entusiasmo che Silvio Berlusconi aveva voluto trasmettere durante la festa e ripreso dalla TV,era percepibile ed elettrizzante appena qualche minuto prima. Il premier – accompagnato per l’ occasione dai vice ministri Gianfranco Fini ( FASCISTA), Umberto Bossi (LEGA) e Rocco Buttiglione – aveva appena finito di elogiare la legge sull’ immigrazione ,e della sua bontà della SANATORIA .,

  • Dany 30 gennaio 2018

    Forza Italiani il 4 Marzo faremo le pulizie di primavera!
    L’Italia è nostra! Fuori dai c****** tutti gli stranieri, immigrati, clandestini e tutta l’immondizia umana che il nostro governo importa da ogni dove….basta che frutta quattrini ai nostri politici buonisti! E ci dobbiamo sentir dire che tutta questa spazzatura aumenta il nostro PIL!!!
    Ma quale PIL! Semmai ci girano le PILE!!!
    Viva Salvini e Fratelli d’Italia! Avanti il vento nuovo di destra!

  • RAFFAELE 30 gennaio 2018

    NOI NON SIAMO PIU OSPITI A CASA NOSTRA , MA BENSI SCHIAVI …

    • ACHILLE 30 gennaio 2018

      GRAZIE ALLA SINISTRA

  • Giovanna De Canio 30 gennaio 2018

    Alla “risorsa boldriniana” non piace più l’albergo/ristorante (—> GRATUITO) Italia?
    Fuori dalle OO…Viva Salvini !!!

  • Sebastiano 30 gennaio 2018

    Questa gente è accolta e riverita non capisco perché non anno un minimo di gratitudine nei confronti di chi lì cura e lì accoglie .La colpa è dello stato italiano che è incapace di gestire…

  • C. Brandani 30 gennaio 2018

    Ma quale commento! Vanno rimpatriati tutti nei loro Paesi d’origine. Toccheranno con mano di nuovo come si sta da loro, nei loro ospedali, nelle loro abitazioni accoglienti.

  • Silvia Toresi 30 gennaio 2018

    Facciamo parlare l’infermiera!!!!!!! È stata ascoltata una sola campana!!!!!

  • Alfonsa 30 gennaio 2018

    Chi lavora al front-office sa quanto è difficile affrontare queste orde maleodoranti e buzzurre,l’ Infermiera ha fatto bene ad apostrofarlo,hanno tutto e subito,ma è l’ora di finirla.Brava! e a tutti quelli che leggono ,per favore,il 4 Marzo andiamo a votare chi come Salvini vuole rinfrescare l’aria e ridare agli italiani le proprie città ,le scuole,i giardini pubblici ,le piazze libere per passeggiare ancora con i nostri bambini.Viva gli italiani coscenziosi,Viva salvini e la destra tutta.

  • Stefano 30 gennaio 2018

    In queste circostanze necessità intervenire tutti,sollevando l’infermiera dalla problematica che queste risorse creano ad arte.Prendegli per il bavero e zittirlo, al pari di come si farebbe con un prepotente che salta la fila.Commenti sul crocefisso?Zittirlo subito e cacciarlo, magari a pedate.Questi comunistici hanno rotto i c****** con una invasione Barbara e ora vorrebbero che noi italiani si stesse zitti ai soprusi di questi c******* di colore.Sono in Italia (per ora) e quindi zitti e allineati ai doveri e alle regole.Spero nel 4 marzo.Spero che la destra vinca e faccia chiarezza per chi deve restare e per chi (tanti) devono tornare nei loro paesi “civili”.

  • Angela 30 gennaio 2018

    Mi auguro che dopo il 4 marzo l’Italia ritorni ad essere degli italiani e che questi partiti di sinistra che ci hanno governati senza mai essere stati eletti spariscano per sempre.

  • Claudia 30 gennaio 2018

    Il profugo o presunto tale pensa di essere nel diritto di pretendere perché questo è il messaggio che i nostri governanti pdioti hanno fatto passare. Solidarietà all’infermiera che probabilmente sarà anche stata insultata in quanto per i musulmani le donne sono inferiori rispetto all’uomo. Per tutti quelli che non gradiscono il servizio sanitario italiano possono sempre farne a meno …magari tornandosene a casa loro. Comunque W Salvini e W l’Italia e sempre PRIMA GLI ITALIANI !

  • Giuseppe Barletta 30 gennaio 2018

    Un tale Antonio Ti si permette di criticare l’infermiera? Ma c’è ne fosse di gente come lei e se l’indesudersto non si trova bene, di tuffi e cominciare a nuotare verso la sua adorata Africa:prima o poi arriverà,se arriverà!

  • sergio 30 gennaio 2018

    L’infermiera è senz’altro da capire:..lavoro stressante… il p.s. sempre pieno di qste persone che si presentano per lo più per futili motivi.;peraltro questo accade ogni giorno in ogni ospedale d’Italia!!!!….Queste persone,spalleggiate e indottrinate dalla sinistra e spiace dirlo anche dalla chiesa, hanno già capito tutto e si comportano di conseguenza!!!
    Quindi una sola cosa rimane da fare : votare in massa per la destra!!

    • ACHILLE 30 gennaio 2018

      TUTTI X SALVINI

  • Lorenza ceccaroni 30 gennaio 2018

    Non li sopporto più, spero che il 4 marzo davvero sia foriero di cambiamenti e che la destra mantenga le promesse , lavoro anche io in un ambiente in cui se sei migrante hai più diritti rispetto al resto del cielo e della terra e stringo i denti in attesa del 4 marzo ma non so quanto potrò ancora trattenermi. Sono arroganti presuntuosi e ti trattano come se tu fossi lì per fare da serva a loro, cosa che infatti è vera in quanto L Italia la sancisce. Sono certa che se le cose non si rimetteranno un po’ in sesto mi verrà un esaurimento , così lo stato oltre a mantenere i migranti manterrà anche me quando sarò in malattia. Questi sono i risultati del nostro attuale governo che si comporta in modo incomprensibile irresponsabile e solo per certi loro tornaconto.

  • Erminia Fusi Benini 30 gennaio 2018

    Avendo purtroppo avuto diverse esperienze di pronto soccorso, ho nota£to che i migranti, qualunque cosa abbiano, fanno subito la voce grossa per passare per primi, mentre noi ce ne siamo buoni ad aspettare il nostro turno. Per un ecocardiogramma nel privato, pagando il ticket, uno grande e grosso ha gridato”io non pago, vado in ospedale”. Ecco chi intasa i nostri pronto soccorso. In fondo usufruiscono GRATIS del sistema sanitario CHE NOI PAGHIAMO !!!

  • Massimo Steffanoni 30 gennaio 2018

    Ma come, è ospite della caritas, quindi già assistito in tutto, va al prontosoccorso non si sà bene per che cosa e inizia subito a criticare. Mi sembra che sia l’unica cosa che sanno fare, lamentarsi, criticare, mangiare, dormire e non fare nulla. Evviva l’infermiera, evviva Salvini, prima gli Italiani

  • grazia calore 30 gennaio 2018

    VIVA SALVINI, l’unico che fa da PORTAVOCE di tutti noi ITALIANI, i soli che hanno capito, perchè lo vivono in prima persona, che questa INVASIONE PROGRAMMATA dalla SX mondiale, come solito delle SINISTRE tutte,è stata messa in atto senza preparazione preventiva strutturale, cosicchè i popoli più colpiti, alle carenze strutturali preesistenti si sono trovati con un surplus dato dai tanti immigrati cominciando dalle FILIPPINE importate dalla CHIESA più di 40 anni fa. Ai quali immigrati è stato detto CHE HANNO LA PRECEDENZA SU TUTTO e che hanno DIRITTI senza DOVERI…ECCO I RISULTATI…

  • Fabrizio 30 gennaio 2018

    MonteXto. E adesso, dopo le squole (come lo scriverebbe la Ministra), via crocefissi e ritratti anche da ogni ufficio dove si rischi di “offendere” questi proclamatori della FALSA religione inventata da maometto. Ma analizziamo: anche secondo il suo, parziale, racconto, l’infermiera gli ha chiesto bonariamente perché fosse venuto in Italia; un modo per entrare in contatto rompendo il ghiaccio. Ma evidentemente ad un muslim sentirsi interpellare “alla pari” da una donna deve aver dato fastidio e l’ha “rimessa al suo posto”. Il fastidio è chiaro dal fatto che avesse notato e subito stigmatizzato, la presenza di simboli sacri. Questi arrivano qui col chiaro scopo di colonizzarci e non nascondono certo che l’intento finale è quello di islamizzare l’Europa. Consiglio a tutti la lettura del loro “Libro delle furbizie” che la dice chiara. Basta con l’accoglienza generalizzata. Devono restare in Africa. Solo chi fugge dalla guerra va ammesso e, sia chiaro, con determinate regole. Basta con questo buonismo becero che ci porterà alla fine: “chi non sa portare le proprie armi finirà per portare quelle degli altri”. Viva Salvini, viva l’Italia.

  • 30 gennaio 2018

    Speriamo che le tante intimidazioni e i tanti danni provocati da questa immigrazione massiccia finisca dopo il 4 marzo.
    Speriamo che il popolo italiano finalmente apra gli occhi per vedere dove ci ha portato la sinistra e i suoi esecutori e,quindi,vada compatto a votare per la nostra democrazie e libertà.

  • Pirino Antonello 30 gennaio 2018

    Il muso nero musulmano del cazzo, deve solo stare zitto o rispetti gli italiani che lavorano o te ne vai in Africa a mangiare banane…. Sto con l’infermiera e Salvini…

  • stefano r.emilia 30 gennaio 2018

    se a casa sua si fosse comportato così lo avrebbero sicuramente trattato in altro modo basta con il falso buonismo mandiamolo a casa della Boldrini o della Kyenge, ribelliamoci attivamente per difendere la nostra Patria

  • GENTILONI 30 gennaio 2018

    INGMILILLO SIAMO TUTTI D’ACCORDO…… anzi NON NE POSSIAMO PIU…….

  • Giorgio Maurizio 30 gennaio 2018

    Ogni giorno i pronto soccorso sono invasi da questi migranti di ogni nazionalità, la maggior parte per problemi futili, dovrebbero aspettare il loro turno come gli altri ma spesso siccome sono molto intolleranti e “scortesi” se non aggressivi, vengono fatti passare avanti. A me invece tocca attendere giustamente il mio turno ma la cosa incredibile è che io ho dovuto pagare il ticket ed ero entrato in urgenza quasi in chock anafilattico, l’extracomunitario di turno passatomi davanti, dopo aver fatto irritare tutti con la sua arroganza e privo di motivi reali per esser li, è pure andato via, esente da alcun pagamento!! ?

  • Andrea 30 gennaio 2018

    Calci in culo e via

  • Loris 29 gennaio 2018

    Mandiamoli definitivamente a casa loro

  • Loris 29 gennaio 2018

    No, mandiamoli proprio a casa sua

  • luciano 29 gennaio 2018

    Stare in attesa al proto soccorso delle mezze giornate è normale anche per italiani di pelle bianca, specialmente per casi di lieve entità, per migranti e rom è una prassi recarsi al pronto soccorso per non passare dal medico di base. Questa gente è bene addestrata da una parte di italiani per pretendere anche l’impossibile se non vogliamo noi italiani essere additati come razzisti.
    Questa è muta dittatura camuffata da democrazia

    • gizella 30 gennaio 2018

      sono pienamente d’accordo a casa tutti

  • pinco 29 gennaio 2018

    evviva Salvini

  • avv. alessandro ballicu 29 gennaio 2018

    questa è una invasione programmata, un atto di guerra, la immigrazione clandestina va fermata proclamando lo stato di guerra e schierando la marina e l’esercito per proteggere i sacri confini con qualsiasi mezzo

    • ACHILLE 30 gennaio 2018

      GIUSTO, COME FANNO GIA LA SPAGNA E TUTTE LE ALTRE NAZIONI

  • Patrizia 29 gennaio 2018

    Viva L infermiera!!
    Il bel personaggio osa anche contestare che in un ospedale Italiano ci sia il crocefisso e le foto di Padre Pio. Ma come si permette. Probabilmente non stava così male per poter vedere queste cose. In un ps ci possono essere dei casi anche più gravi del suo. Capita a tutti andare al ps e aspettare ore!!
    L infermiera ha fatto bene: non tutto è dovuto!

  • giorgio 29 gennaio 2018

    Mandatelo nell’ospedale di casa sua in africa

    • gizella 30 gennaio 2018

      ma ci sono ospedali in Africa?