Battista a Gene Gnocchi: «Stai alla frutta, non fai ridere. Ora chiedi scusa» (video)

venerdì 19 gennaio 11:30 - di Stefania Campitelli

«Una battuta infelice, di pessimo gusto. Che non fa ridere ma solo rodere…» Avrebbe fatto meglio a tacere, a occuparsi di cose più semplici, più frivole. Maurizio Battista, comico romano molto amato dal pubblico capitolino, bacchetta duramente Gene Gnocchi per l’offesa «becera» a Claretta Petacci pronunciata a Dimartedì, la trasmissione condotta daFloris. Parole che hanno indignato l’opinione pubblica e i social. «Non è una questione politica, non mi interessa – precisa Battista – si tratta di educazione, di rispetto delle persone, specialmente se morte, ancora di più se donne. Che facciamo le difendiamo solo quando ci pare?». Il comico romano si sente indignato: «Un comico che arriva a tanto significa che sta alla frutta», dice ironizzando anche sulle qualità artistiche di Gnocchi. «Non è una cima, si vede. Comici così, che si credono sagaci, sono robetta.». Offendere una situazione drammatica – continua Battista – vuole dire essere alla frutta o non capire il limite del buon gusto e dell’educazione. Meglio parlare di cose più facili,  che si conoscono e non avventurarsi. «Prima di dire le cose pensaci, sei anche uno che ha studiato, non come me… Anche se non ti conosco – conclude rivolgendosi a Gnocchi – ti consiglio di chiedere scusa».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • franco 21 gennaio 2018

    Non se scherza sulle cose brutte certo… Ma non sdi deve nemmeno sciacallare pubblicitá con la scusa di fare gli pseudo perbenisti cercando di accaparrarsi gli hater di Gene Gnocchi per i prossimi spettacoli nei cosiddetti teatri che ormai fanno acqua…

    • Luigi 22 gennaio 2018

      Di buona educazione e contro lo sciacallaggio si parla a prescindere come dice bene Maurizio, per me anche se gnocco chiedesse scusa non serve la cascata l’ha fatta e si è qualificato.

  • Claudio 19 gennaio 2018

    Bravo Maurizio!