Allarme terrorismo: 50 combattenti dell’Isis arrivati in Italia con i barconi

È di nuovo allarme terrorismo. E allarme particolarmente  inquietante.  L’Interpol ha diffuso una lista coi nomi di 50 sospetti combattenti dell’Isis, tutti di nazionalità tunisina, che sarebbero arrivati di recente in Italia a bordo di barconi. La notizia è stata diffusa dal Guardian online, secondo cui l’elenco con i nominativi è stato inviato il 29 novembre al ministero dell’Interno, che lo ha successivamente girato alle agenzie anti-terrorismo in Europa.

Alcuni dei fighter, spiega il quotidiano britannico, erano stati identificati al loro arrivo in Sicilia avvenuto tra luglio e ottobre dell’anno scorso a bordo di piccole imbarcazioni che sono state abbandonate sulla spiaggia. Quattro di loro erano già noti alle agenzie di intelligence europee e uno di questi può aver già superato il confine italo-francese per raggiungere il dipartimento di Gard, nel sud della Francia. Il documento mostra nomi, cognomi e date di nascita dei sospetti terroristi. Il punto di approdo preferito dai migranti tunisini, sempre secondo il Guardian, sarebbe la spiaggia di Torre Salsa ad Agrigento. Le barche, molto migliori di quelle in arrivo dalla Libia, partono da Ben Guerdane dove l’Isis si è scontrato con l’esercito tunisino nel 2016.