Afghanistan nelle mani dei talebani: rapita dipendente Onu con il figlio

lunedì 22 gennaio 16:06 - di Redazione

Non si ferma l’offensiva dei talebani, estremisti islamici, in Afghanistan, la cui situazione peggiora di giorno in giorno. Il Paese asiatico non è stato minimamente pacificato dopo l’intervento delle forze occidentali, anzi, la sua situazione è notevolmente peggiorata. Ormai i talebani hanno il controllo della maggioranza del territorio afghano. Dopo l’attacco all’hotel di Kabul, dove ci sono state decine di vittime e dopo l’agguato a un pulmann di civili afghani, stamattina una dipendente delle Nazioni Unite e suo figlio sono stati rapiti stamani nella zona di Khair Khana nella capitale afghana Kabul: lo riferisce la tv afghana Tolo. Fonti citate dall’emittente sostengono che la donna sia stata sequestrata mentre portava il figlio a scuola prima di recarsi al lavoro. Secondo notizie riportate dall’agenzia di stampa afghana Pajhwok, la donna che sarebbe stata rapita a Kabul farebbe parte dello staff del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa). I media afghani non precisano la nazionalità della donna e del figlio e sinora la notizia non è comunque confermata ufficialmente. Intanto si conferma che un cittadino tedesco è rimasto ucciso nell’attentato all’Hotel Intercontinental di Kabul. A confermarlo è stata una portavoce del governo di Berlino, senza fornire dettagli sulla vittima. In totale sono rimasti uccisi 19 civili, tra loro 14 stranieri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *