«Vorrei più cibo»: ecco la lettera di un bambino greco a Babbo Natale

Per gentile concessione di Mondogreco, testata on line dell’omonima associazione di cultura ellenica, pubblichiamo di seguito quest’articolo del direttore Francesco De Palo che più di ogni discussione, confronto, ricerca o tavola rotonda fotografa il dramma che sta ancora adesso vivendo il popolo greco soffocato dalla crisi economica e dai diktat della Troika. Nel più assoluto silenzio dell’Unione europea.

«C’è un rivolo di disgusto che, fitto fitto, scivola dentro la crisi greca di cui nessuno più si occupa: è la disperazione di tutti i giorni della gente per bene, è la dignità di chi non era presente nella Lista Lagarde, è il volto di quei cittadini che dopo troika, memorandum e tweet stanno peggio di prima, sono le braccia e i volti di chi nonostante tutto continua ad alzare la saracinesca della propria vita tutte le mattine. Un bimbo di otto anni in una scuola greca ha scritto una lettera a Babbo Natale. Ma non ha chiesto giochi o sollazzi, cotillon o robot, né Super Pigiamini o cellulari di ultima generazione: solo un po’di cibo. Sì, proprio così, solo del cibo.

Thelo faghitò, si legge in quel pezzetto di carta. Un po’ di cibo. Per la propria famiglia, per se stesso, per tutto l’universo poco importa. Qui sta accadendo ciò che i grandi megafoni 3.0 di solito raccontano in Africa o in sudamerica. Qui sta scoppiando un mondo nel disinteresse del resto di quell’altro mondo, che si pavoneggia perché la crisi è dietro l’angolo. Qui si è rotto l’incantesimo di chi ha promesso mari e monti e poi è scappato col malloppo. Qui, al centro dell’Egeo, dove si twittano grandi accordi, super investimenti e fantastiche riprese, c’è chi ha fame. E nessuno (degli altri) se ne vergogna, nemmeno un po’».