Stazione Termini: immigrato scatena il caos, pugni ai carabinieri. E la Raggi dorme

venerdì 15 dicembre 11:22 - DI Roberto Mariotti

Sempre peggio. Negli autobus, in metro, per strada. Di giorno e di notte. Roma nella mani di immigrati violenti e rom senza controllo, con zone rosse inavvicinabili, infrequentabili. Come l’area che circonda la Stazione Termini, dove ogni giorno accade qualcosa. Nel silenzio del Campidoglio e della Raggi che non spende mai una parola per le vittime di soprusi. Ma stavolta al ladro, un immigrato di 35 anni, è andata male.

Stazione Termini, dal furto alla colluttazione

Il malvivente ha “puntato” un passante. Lo ha avvicinato alle spalle e ha tentato di strappargli la collana in oro che aveva al collo. Ma la vittima ha reagito ed è scoppiata una colluttazione che è stata notata da alcuni clienti di un bar, poco distante, che hanno subito avvertito i carabinieri. In manette, arrestato dai carabinieri, è finito il tunisino immigrato. Il tutto è accaduto in via Giovanni Giolitti, a pochi passi della Stazione Termini. Il ladro non aveva preventivato la reazione della vittima, un 22enne peruviano ma residente a Roma, che gli ha impedito di portare a termine la rapina. Lo scontro tra i due è stato interrotto dai carabinieri giunti subito sul posto. Il 35enne ha anche tentato di opporsi ai militari sferrando diversi calci e pugni contro di loro. Dopo essere stato ammanettato e portato in caserma, l’uomo è stato accusato, oltre che di tentata rapina, anche di resistenza e violenza a pubblico ufficiale. La vittima ha riportato una contusione al collo e a una mano, medicate all’ospedale San Giovanni Addolorata e guaribili in quindici giorni.

E a Tor Bella Monaca…

Dieci clienti all’interno di una farmacia a Tor Bella Monaca sono stati presi in ostaggio da un rapinatore solitario armato di pistola. E’ accaduto nella farmacia comunale di via Arnaldo Brandizzi, poco distante da via dell’Archeologia, dove ha fatto irruzione un individuo dalla corporatura massiccia, incappucciato e armato. L’uomo ha minacciato con l’arma i clienti che si trovavano nei locali e che sono stati costretti a mettersi lungo una parete. Poi il bandito ha affrontato i dipendenti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *