Sondaggio, frana il Pd, mai così in basso negli ultimi 5 anni. Il centrodestra vola al 36%

Allarme, massimo allarme nel Pd. Lo segnala l’ultimo sondaggio di Nando Pagnoncelli sul Corriere della Sera. “Il Pd conferma il momento critico in una fase piuttosto delicata sia sul fronte della definizione di una coalizione (a seguito della rinuncia di Pisapia e della decisione di Alfano di non ricandidarsi), sia sul fronte delle banche: i dem fanno registrare un’ulteriore flessione (-1%) e si attestano sul livello più basso degli ultimi 5 anni (23,4%)”. E sempre su questo fronte, proprio ieri, Repubblica segnalava un sondaggio top secret del Pd che dava il partito addirittura a quota 20 per cento. Numeri da brividi per Renzi, che certo non può sentirsi sollevato dal fatto che nel centro sinistra aumentino le formazioni minori, che nell’insieme raggiungono il 2,8%. Ap dopo la «separazione consensuale» tra le due componenti, dovuta alle diverse strategie elettorali, arretra nei consensi scendendo al 2%. Liberi e uguali rimane stabile (6,6%). Galoppa il centrodestra – come siamo abituati a vedere da mesi, sondaggio dopo sondaggio – sia nel complesso dei partiti della coalizione  (36%), sia nei rapporti tra i partiti che fanno parte dell’alleanza (Forza Italia prevale di 2,4% sulla Lega e Fratelli d’Italia continua a segnare un segno più, ben oltre il 5%). Il M5S si conferma sì primo partito, ma è in flessione rispetto alla scorsa settimana.

Nel Pd prevale lo “sconfittismo”

Il dato più significativo – spiega Pagnoncelli- è la percezione dei vittoria. “Un italiano su tre – procede Pagnoncelli – (33,7%) prevede che alle prossime elezioni si affermerà il centrodestra, il 23% il M5S e solo il 12% ritiene che vincerà il centrosinistra”. Secondo Pagnoncelli il dato drammatico per il Pd è proprio questo: non tanto la flessione nelle intenzioni di voto attuali, ma  lo «sconfittismo», che porta con sé tre rischi: “innanzitutto l’astensione nelle proprie fila, giacché un elettore rassegnato alla sconfitta potrebbe essere tentato di disertare le urne, nella convinzione che il proprio voto non conti nulla e non possa rovesciare l’esito infausto. In secondo luogo la scarsa mobilitazione dei militanti... Da ultimo, il rischio del «voto utile»: infatti, si fa strada la percezione che la competizione elettorale sarà una sfida tra centrodestra e M5S, con il centrosinistra all’angolo. Dunque, una parte degli elettori dem potrebbe essere tentata di rinunciare al voto per il Pd, orientando la propria scelta su altri pur di scongiurare la vittoria del partito o della coalizione più invisa.