Salvini: «Ci metto la faccia, se il Cav non ha un nome indichi me come premier»

venerdì 29 dicembre 11:10 - di Liliana Giobbi

«Salvini premier. Io sono chiaro con elettori e alleati, ci metto la faccia. Chi vota Lega non avrà sorprese il 5 marzo, non spunterà nessun coniglio dal cappello. Chiedo a Berlusconi di fare altrettanto e indicare prima del voto chi è il suo candidato premier. Se non ne ha uno, può fare il mio nome». Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini in una intervista a Libero. Sul rapporto con Berlusconi, «mi fa piacere averlo alleato e che sia tornato in auge – dice il leader della Lega – Rispetto a lui, io ho l’orgoglio di non aver mai sostenuto governi tecnici o del Pd».

«Salvini premier. E quella del notaio era una battuta»

Quella del notaio poi «era una battuta. Mi interessa che venga sottoscritto un patto pubblico davanti agli italiani – chiarisce – Berlusconi l’ha già fatto, da Vespa, ai tempi in cui era abituato a fare tutto da solo. Adesso però ci sono io – rivendica – e comunque io con Berlusconi vado d’accordissimo, mi aspetto solo chiarezza. I miei non sono mai problemi personali, ma politici. Non sono le sue frecciate che mi danno fastidio, è quando parla di Gentiloni bis che mi si rizzano i capelli».

«Gli immigrati clandestini vanno rimpatriati»

«L’immigrazione clandestina è un’emergenza. Se la Lega uscirà forte dalle urne gli aerei saranno riempiti di questa gente» che verrà «rimandata lì da dove viene», aggiunge Matteo Salvini. stavolta ai microfoni di Radio Padania.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *