Roma, arrestato un pusher: nascondeva la droga e una p38 nella cassaforte di casa

Una pistola con la matricola abrasa e 20 grammi di cocaina erano nascosti in una cassaforte portatile: è stato arrestato un giovane romano che teneva in casa la drova. Gli investigatori del commissariato Romanina, diretto da Laura Petroni, appena venuti a conoscenza che il 29enne era in possesso di cocaina, hanno fatto un blitz nel suo appartamento. Nella camera del ragazzo è stata trovata, non fissata al muro, una cassaforte che, vista la ritrosia del ragazzo a rivelarne il contenuto, è stata forzata grazie alla collaborazione dei Vigili del Fuoco. All’interno c’erano 20 grammi di cocaina, una bilancia di precisione ed una pistola a tamburo calibro 38 special, con matricola abrasa completa di 23 proiettili. Il giovane è stato immediatamente arrestato. La pistola verrà ora esaminata dei tecnici balistici per stabilirne la provenienza e l’eventuale uso passato.

Droga, due arresti a Roma

Sempre a Roma un altro caso di spaccio e un altro arresto. Fermo davanti a una pizzeria, veniva avvicinato da diverse persone con le quali scambiava qualche parola poi si dirigeva vicino a una siepe, si inchinava e prendeva qualcosa per poi tornare dai suoi ‘“amici”’. La scena è stata notata dai poliziotti in borghese del commissariato di polizia Prenestino, durante un appostamento in piazza Oria a Roma. Gli agenti sono così intervenuti e hanno fermato il ragazzo, un 26enne romano, con precedenti di polizia. Gli agenti hanno poi controllato cosa c’era vicino alla siepe e, sotto uno strato di terriccio, hanno trovato una scatola di metallo avvolta con del nastro isolante nero posto a sostegno di alcune calamite con all’interno sette involucri contenenti cocaina. Addosso al 26enne gli agenti hanno trovato 300 euro in contanti, suddivisi in diverse banconote di vario taglio. Il 26enne è stato arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti.