“Quel porco”, il lancio di Mentana sul caso Bellomo fa il giro del web (video)

martedì 19 dicembre 14:17 - DI Redazione

 

“Quel porco”. Resterà negli annali del giornalismo televisivo il “lancio” del direttore del Tg di la 7 Enrico Mentana sul caso del consigliere di Stato Bellomo attualmente indagato per estorsione dalla Procura di Bari per le richieste di minogonne nella sua scuola di formazione. Mentre Mentana stava riassumendo il succo del discorso si è lasciato andare ad un commento molto fuori le righe secondo l’aplomb che gli è proprio ma sicuramente in linea con quello che avrebbe potuto commentare da casa chiunque, alla notizia. Mentana esordisce così: “Vediamo un fatto italiano – ha detto lanciando il servizio sulla scuola “Diritto e Scienza” di Bellomo – ancora lo scandalo di quel magistrato, gran porco, che, come si sa, adesso finalmente è nel mirino della stessa magistratura. Un Mentana memorabile…

Il “sistema Bellomo”

Intanto emergono altri particolari. Sarebbero almeno cinque le vittime del ‘sistema’ del consigliere Francesco Bellomo. A rivelarlo su Bari Today è stata un’avvocatessa 28enne di Cerignola, ascoltata per i presunti obblighi imposti dal consigliere di Stato alle partecipanti alla sua Scuola di formazione per magistrati. Bellomo avrebbe indicato il vestiario, il trucco e persino la forma fisica che le corsiste dovevano avere, registrando tutto in uno speciale contratto. “Secondo il racconto dell’avvocatesssa, un mese dopo l’inizio delle lezioni sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. “Io vengo prima di tuo fratello” le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo “che ero una stupida a dire di no”.“

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *