Paura ad Amatrice, la terra trema di nuovo: scossa di magnitudo 4.2

Trema ancora il centro Italia. Una scossa di terremoto magnitudo 4.2 è stata registrata mezz’ora dopo la mezzanotte vicino ad Amatrice. La scossa è stata avvertita anche in numerosi comuni di Marche e Abruzzo. E a Roma. In particolare a Roma Nord. Non si segnalano danni. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) la scossa si è originata a 8 km di profondità con epicentro a 3 km da Amatrice, 9 da Campotosto (L’Aquila), 15 da Cortino (Teramo), 16 da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) e 56 km da Terni.

Terremoto avvertito anche a Roma

Al momento non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. Il 24 agosto dello scorso anno la zona è stata colpita da un violento terremoto di magnitudo 6, che ha lasciato enormi danni e circa 300 morti.  L’evento sismico è stato avvertito specialmente dalle famiglie che alloggiano nelle Soluzioni abitative di emergenza (Sae) allestite nei villaggi dei comuni già colpiti dal terremoto dello scorso anno. Molte le luci accese nelle casette. Il sisma è stato chiaramente avvertito anche nel sud delle Marche. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) ha rideterminato la magnitudo del terremoto verificatosi alle 0.34, riducendola da 4.2 a 4.0. Oltre 15 repliche, tutte di lieve intensità, localizzate tra le province di Rieti, Ascoli Piceno, L’Aquila, Perugia e Macerata, si sono susseguite nella notte. La più forte è stata di magnitudo 2.1 alle 2:41, con epicentro 3 km da Amatrice.