Pakistan, terrorismo anticristiano, 4 morti in un attentato contro una chiesa

Pakistan, attentato in una chiesa di Quetta: 4 vittime e 18 feriti tra i fedeli. Morti anche i 2 terroristi. Ancora nessuna rivendicazione dell’agguato, ma ancora strage di innocenti raccolti in preghiera. Ancora sangue e morte. Ancora terrore e vittime di una guerra che colpisce senza confini, senza trincee, con eserciti di kamikaze invisibili fino al momento di colpire, vigliaccamente, contro bersagli inermi. Stavolta è successo in Pakistan, dove  -secondo quanto riferito da funzionari e media locali – almeno quattro persone sono state uccise e altre 18 sono rimaste ferite in un attacco terroristico in una chiesa nella capitale pakistana di Quetta, nel sud-ovest.

Pakistan, attentato in una chiesa: nessuna rivendicazione

Sarfraz Bugti, ministro dell’Interno della provincia sud-occidentale del Balochistan, ha dichiarato che due terroristi hanno attaccato una chiesa situata nella zona di Zarghoon Road a Quetta, la capitale provinciale del Belucistan. Bugti ha detto che uno degli assalitori è stato ucciso dalle forze di polizia all’ingresso principale della chiesa mentre il secondo si è fatto esplodere all’interno. Secondo Bugti, al momento dell’attacco in chiesa c’erano circa 500 persone. I media locali hanno riferito che quattro corpi e 18 feriti sono stati trasportati in diversi ospedali della città. Il ministro della salute ha detto che è stato dichiarato lo stato di emergenza in tutti gli ospedali della città. A seguito dell’attacco, le squadre di soccorso, le forze di sicurezza e la polizia si sono precipitate sul posto. Secondo i resoconti dei media locali, una forte esplosione è stata udita vicino la chiesa seguita da una serie di spari. Nessun gruppo ha ancora rivendicato l’attacco.