Orrore in Svizzera: cacciato dal pub perché ha finito i soldi, muore assiderato

La Svizzera è sotto choc dopo la morte di Damien D. un 24enne del Cantone Vallese, cacciato da un pub di Vétroz, perché rimasto senza soldi. A raccontare il dramma suo padre alla stampa locale. «Mio figlio è morto di ipotermia qualche giorno prima di Natale, dopo una cena aziendale e una serata alcolica finita male. A 24 anni si può morire per un incidente, forse per malattia, ma di freddo. Non posso accettarlo».  Damien era stato segnalato l’ultima volta il 23 dicembre alle 22, da quel momento se ne erano perse le tracce e la polizia locale lo aveva segnalato tra le persone scomparse. A quell’ora il meteo dava neve copiosa e una temperatura di -9 gradi. 

svizzera-morto-di-freddo

Svizzera sotto choc: il ragazzo è morto di freddo

Il quotidiano elvetico Le Nouvelliste, ha riportato la tragica notizia del ritrovamento di Damien, allontanato in maglietta in piena notte, sotto la neve. Tra le persone sentite dal giornale, anche quella che pare essere l’ultima persona che ha visto il giovane in vita, un venditore di kebab che lavora nei pressi del pub discoteca dal quale il 24enne era stato cacciato. «È arrivato con addosso solamente una t-shirt e mi ha chiesto un panino», dice. «Non aveva soldi, allora gli ho detto che avrebbe dovuto tornare il giorno dopo per pagarlo. Comunque non era da solo quando ha preso il panino da me. Un vero amico non ne abbandona un altro così nel freddo». In queste ore le autorità locali hanno avviato un’inchiesta per determinare le circostanze esatte del decesso che, secondo la prima ricostruzione, è stato causato da ipotermia. Morto di freddo, perché non in grado di pagare per rimanere nel locale