Migranti, sbarchi a profusione: 450 arrivi previsti per le prossime ore ad Augusta

Migranti, continuano gli sbarchi a raffica. Ancora esodi biblici, ancora arrivi fiumee chi negli ultimi tempi si era abbandonato alla pia illusione che gli approdi fossero diminuiti almeno un po’, si deve arrendere ormai all’amara verità: non si sono mai arrestati, e forse – al di là di numeri e percentuali – non sono mai calati. Basti pensare che, solo per nelle prossime ore è previsto l’arrivo al porto di Augusta di una nave con a bordo oltre 450 migranti, soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo. A bordo, come sempre accade peraltro, ci sarebbero anche stavolta molte donne e molti bambini.

Migranti, attesa a Siracusa una nave con 450 migranti

Dunque, ancora vite da salvare, ancora traffico di esseri umani, ancora uno sfregio ad accordi diplomatici e sinergie tra Paesi (Libia in testa a tutti?): come anticipato è attesa per le prossime ore – per questa sera al più tardi – al porto di Augusta (Siracusa) la nave Aquarius con a bordo oltre 450 migranti soccorsi nei giorni scorsi nel Mare Mediterraneo. A quanto è dato sapere al momento sull’imbarcazione viaggerebbero anche numerosi minori e donne, tra cui una in particolare assistita in quanto in avanzato stato di gravidanza. Un copione drammaticamente noto, che scuote le coscienze e induce a nuove riflessioni ma che torna – e ormai da anni – a far attorcigliare il problema su stesso e sulle comunità urbane chiamate ad accogliere, a integrare a far fronte a risorse solidali in esaurimento già da tempo. Tutto tornerà a ripetersi anche stavolta allora: gli sbarchi, i controlli di sicurezza, l’assistenza sanitaria, il trasferimento in altre strutture. Tutto si rinnova, meno la speranza di veder risolto effettivamente un problema endemizzato di fronte al quale però è impossibile anestetizzare dolore e rabbia, malcontento e disagio, di chi arriva come di chi è costretto ad accogliere.