Il marò Latorre salva la vita in extremis a una donna che stava soffocando

Massimiliano Latorre, uno dei due marò coinvolti nella vicenda della Enrica Lexie, si è reso protagonista di un salvataggio in extremis  di una giovane donna che stava soffocando. E che, grazie a un gesto di altruismo e generosità ha potuto festeggiare il Natale. Il marò  stava rientrando a casa dell’amico Elvio Pazzi, ad Imola, dove si stava festeggiando Santa Barbara, patrona dei marinai. Nel tragitto ha notato una donna distesa a terra e altre persone di fronte a lei, terrorizzate, che non sapevano cosa fare. Lo leggiamo sul Giornale. Con prontezza di spirito “senza perdersi d’animo, Latorre si è precipitato di fronte alla ragazza e si è reso conto che la stessa era in preda a una crisi epilettica e che stava soffocando”. Ha così effettuato una manovra complessa in quella circostanza. Le ha, allora, aperto la bocca e tirato fuori la lingua, salvandole, di fatto, la vita. Un’ambulanza  ha poi portato la giovane al pronto soccorso più vicino, dove è stata visitata e curata. Ora può raccontare l’episodio, ma se l’era vista brutta. Alcuni giorni dopo Massimiliano è stato ringraziato dalla diretta interessata per il bel gesto. Non è la prima volta che il marò Latorre si rende protagonista di episodi del genere. Ricordiamo, quando era detenuto in India: si gettò addosso a un giornalista del “The New Sunday express” impedendogli, di fatto, di finire investito da un mezzo in movimento.