La Lega denuncia: “Degrado e incuria per la stazione di Marconi a Coltano”

“Il degrado e l’incuria hanno preso, da tempo, il sopravvento in quella struttura storica ubicata a Coltano, nel comune di Pisa, da cui agli albori del ‘900 Guglielmo Marconi fece partire il primo radiomessaggio transoceanico. Una situazione non degna di un paese civile che riteniamo debba essere prontamente sanata, ridando piena dignità ad un luogo che è stato un gioiello della scienza”. Lo afferma Manuel Vescovi, capogruppo della Lega nel consiglio regionale della Toscana. “È inaccettabile – sostiene Vescovi – che, come affermato anche dalla figlia Elettra, gli stranieri guardino col massimo rispetto al nostro illustre connazionale, mentre noi lasciamo che ogni tipo di rifiuti e quant’altro trovi ospitalità nell’immobile ormai diventato un rudere”. “Pertanto – conclude Manuel Vescovi – faremo un’interrogazione per chiedere alla Regione Toscana, per quanto di sua competenza, d’intervenire per dare il via ad una effettiva ristrutturazione del luogo”.  Sulla stessa lunghezza d’onda anche Edoardo Ziello, segretario comunale di Pisa della Lega che ribadisce “come la famosa stazione radiotelegrafica versi, effettivamente, in condizioni pietose, considerata la notevole importanza storica dell’edificio”. “Visto che il sindaco di Pisa – sottolinea il rappresentante locale del Carroccio – aveva promesso di farci un museo della comunicazione e non ha mai, colpevolmente, provveduto a realizzarlo, anche a seguito della pubblica denuncia fatta al Tg1 dalla figlia del grande Marconi, abbiamo quindi chiesto al nostro gruppo consiliare in Regione di predisporre un’apposita interrogazione per fare piena luce su questa triste vicenda”.