La furia di Asia Argento si abbatte anche sul Corriere: “Fate schifo”

Non cessa un attimo di aggiungere sgradevolezza a sgradevolezza, Asia Argento, sempre prontissima a fare polemica, ad usare parole fuori luogo con una carica di aggressività che la rende invisa ai più. Inveisce anche contro il Corriere della Sera, che -nonostante le polemiche di bassa lega scatenate in questi mesi – la ha inserita tra le 50 donne dell’anno. Un riconoscimento, insomma. Eppure Asia Argento ha trovato modo di rendersi villana ancor più. Lei,  che ha denunciato le molestie sessuali di Harvey Weinstein con 20 anni di ritardo, se la prende tuttavia con la “descrizione” che ne fa il Corriere che la definisce “antipatica ai più ne suo paese”. E’ vero, ma lei trova da ridire e su Twitter si sfoga da par suo.

 “Il Corriere – ha cinguettato Asia – mi nomina una delle 50 donne dell’anno ma non rinuncia alla condiscendenza, definendomi raccomandata e antipatica. Inoltre minimizza le violenze sessuali definendole ‘un cattivo costume molto tossico’. Che schifo“. Dunque, la Argento, vorrebbe essere descritta come non è, non facendo peraltro nulla per correggere questa immagine che i”cattivi” hanno di lei.  Insomma, neanche un riconoscimento riesce a scardinare questa negatività che trasuda da tutti i pori. Guai a nominarla tra  le donne dell’anno, se la motivazione non è di suo gusto, se non si è disposti a definirla bravissima, simpaticissima e di grande stile.

Definirla come ha fatto il Corriere “molto amata dagli amici intellettuali dei genitori” ma “antipatica ai più nel suo Paese“, non sembra proprio un peccato di lesa maestà, anzi dopo tutte le sue uscite volgari appare anche una definizione benevola. lei scrive “Fate schifo”. Insomma, troppo simpatica Asia Argento non è, se ne faccia una ragione.