Incidente bus in Messico, la Farnesina rassicura: «Gli italiani sono salvi»

Nessun italiano è rimasto ucciso o ferito del grave incidente che si è verificato in Messico e che ha coinvolto un bus turistico, provocando la morte di 12 persone. A renderlo noto è stata la Farnesina, confermando che i due italiani che viaggiavano tra i 31 passeggeri sono sani e salvi.

La Farnesina: «Né vittime né feriti italiani»

«Sulla base di quanto riferito dalle autorità locali, non ci sono né feriti né vittime italiane. Due connazionali, che si trovavano a bordo dell’autobus, stanno bene e sono tornati sulla nave», ha reso noto la Farnesina. «In relazione all’incidente occorso nello Stato di Quintana Roo in Messico, l’Unità di crisi della Farnesina in stretto raccordo con l’Ambasciata d’Italia a Città del Messico, ha seguito sin dall’inizio e con la massima attenzione per assistere, anche attraverso il contatto con il tour operator, i connazionali coinvolti nell’incidente», ha fatto sapere ancora il ministero degli Esteri italiano.

Sul bus in Messico viaggiavano 31 stranieri

I media locali parlano, oltre che di 12 morti, anche di 18 feriti. I 31 turisti a bordo del mezzo, si legge sulla stampa online locale, erano tutti stranieri: il bus stava portando i passeggeri di una crociera Royal Carribean al sito archeologico maya di Chacchoben. Il mezzo si sarebbe ribaltato dopo essere uscito dalla strada asfaltata.