Il sindaco antifascista nega la sala all’atleta disabile: «È di CasaPound»

Claudio Palmulli ha 31 anni e un sogno: partecipare alla maratona di New York. Ma Claudio Palmuli è disabile e per riuscirci ha bisogno di comprare una handbike, una carrozzina speciale per competizioni agonistiche. Per farlo ha scritto un libro Il vento sulle braccia, che sta presentando in tutta Italia vendendolo come forma di autofinanziamento. La prossima tappa sarà Pescara, dove due mesi fa è stata prenotata una sala circoscrizionale attrezzata per disabili che ora, però, l’amministrazione comunale, guidata dal Pd Matteo Ricci, non vuole più concedere: Claudio Palmulli è anche un militante di CasaPound e questo, a quanto pare, è “giusta causa” per cercare di boicottare il suo sogno. La presentazione, però, si farà lo stesso, solo che sarà in uno spazio privato: l’appuntamento è il 16 dicembre, alle 18, presso il Baia Flaminia Resort.

L’amministrazione Pd nega la sala all’atleta disabile

A denunciare il ripensamento dell’amministrazione, che arriva proprio nel pieno dei richiami della sinistra istituzionale alla mobilitazione antifascista, è stata CasaPound Italia Pesaro, spiegando che «siamo stati contattati da un’impiegata comunale che ci ha comunicato l’intenzione dell’amministrazione di impedire con ogni mezzo la presentazione del libro di Claudio nella sala circoscrizionale». «Siamo costernati di fronte all’abuso perpetrato non solo nei nostri confronti, ma soprattutto nei confronti di Claudio, che – ha aggiunto il responsabile di Cpi Pesaro, Christiano Demontis – con entusiasmo portava a Pesaro la testimonianza di una vita non segnata dal fatalismo, ma dalla voglia di reagire alla disabilità diventando maratoneta». «Un messaggio positivo e costruttivo messo a tacere dall’arroganza e dal pregiudizio di un’amministrazione faziosa», ha proseguito Demontis, sottolineando l’indignazione per «una classe dirigente che si vanta di essere portatrice di cultura e valori democratici» e poi per «sterile polemica e peloso pregiudizio» arriva a «ridurre al silenzio la storia di un riscatto dalla condizione di disabilità».

Il sindaco antifascista parla di«libertà e tolleranza»

Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario di CasaPound Italia, Simone Di Stefano: «Matteo Ricci sei ridicolo, vergognati!», ha scritto su Twitter Di Stefano, mentre Palmulli ha commentato ricordando che «il mio libro non parla né di politica né di CasaPound». «Al sindaco – ha aggiunto l’atleta – appena ci sarà occasione ne darò uno per farglielo leggere, almeno si fa un po’ di cultura!». Manca all’appello, invece, proprio la versione del primo cittadino, che in compenso sul suo profilo Twitter, mentre a Palmulli veniva negata la sala, cinguettava sulla «bellissima risposta da Como a intolleranza e neofascismo». «Libertà, uguaglianza e tolleranza sono valori della Costituzione italiana. I nostri valori», stata la sua rivendicazione con l’hashtag della giornata #equestoèilfiore. E questo, ci sarebbe da aggiungere, è il frutto.