Il fisco non si ferma davanti a niente: potrà “rubare” anche le nostre password

giovedì 14 dicembre 17:45 - di Redazione

Che nessuna si senta al riparo. Il fisco, per contrastare le evasioni e andare a caccia di proventi non dichiarati, potrà entrare nei nostri smartphone, nei nostri tablet, nei “cloud” che raccolgono i nostri dati personal e finanziatr “catturando” le password e utilizzandole per accedere alle banche dati. Al punto cinque della nuova Circolare operativa numero 1/2018 diramata dal Comando generale della Guardia di Finabza, in vigore il primo gennaio 2018, c’è scritto, in maniera esplicita, che le password dovranno essere richieste a chi è sottoposto a una verifica e nel caso di rifiuto potranno essere “rubate” con sistemi specifici e software raffinati.  “È opportuno, in primis richiedere la collaborazione del verificato per l’acquisizione dei documenti memorizzati nel cloud e, in caso di diniego, procedere come segue: 1) estrazione basata sulle credenziali di accesso, 2) accesso ai dati su cloud di utenti privati utilizzando i nomi utente e le password del soggetto sottoposto a verifica, recuperati dai file personali, dalle rubriche di contatti o con altri mezzi di rilevamento”. Con tutti i mezzi, dunque. “A tale riguardo – c’è scritto nella circolare – si ritiene opportuno rimarcare che allorquando si procede all’estrazione dei dati dal cloud con i poteri di polizia tributaria occorrono particolari cautele procedurali nel caso in cui il magazzino virtuale dei dati non abbia matrice aziendale ma di natura strettamente privata (…) i dati verranno recuperati ovunque siano presenti, in considerazione dell’elevato tasso di dematerializzazione delle operazioni economiche e della difficoltà di applicare i tradizionali criteri di collegamento, fisici e territoriali per stabilire il luogo di tassazione degli utili delle imprese che vi ricorrono”.

Unica consolazione: se dalle verifiche non verrà fuori nulla di rilevante per il fisco, le password saranno restituite ai legittimi proprietari. Cioé, saranno avvisati che possono cambiarle.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *