Giochi “satanici” a scuola: la preside chiama l’esorcista (video)

martedì 19 dicembre 17:16 - di Redazione

Giochi “satanici” a scuola: la preside è costretta a chiamare l’esorcista. Non è la trama di un film horror,  è quello che realmente accade in un istituto calabrese. «Il 21 novembre – riferisce il Corriere della Sera – alla scuola primaria “Telesio” di Reggio Calabria accade che un’insegnate entra in classe e trova alcuni alunni raccolti in cerchio attorno a un pezzo di carta con su scritto “Sì” e “No”. Sopra sono incrociate due matite. Gli alunni, che hanno tutti tra i 9 e gli 11 anni, secondo la ricostruzione delle insegnanti, stavano invocando lo spirito di Charlie, ossia il Maligno. Il gioco, ritenuto satanico, è conosciuto come Charlie Challenge ed è diventato virale grazie a Youtube e i social network dove alcune webstar si cimentano con questo rito importato dal Messico». La preside, Marisa Guglielmina Maisano,  s’è giustamente preoccupata per l’accaduto e si è rivolta a un esorcista invitandolo a scuola per incontrare insegnanti, genitori e studenti.  Scopo dell’incontro – a quanto’è appreso – è stato quello dispiegare a tutti la pericolosità di certe pratiche, ancorché effettuate per gioco.

«Il sacerdote in questione – riferisce sempre il Corriere–  è don Piero Catalano, discepolo di don Gabriele Amorth, noto esperto di esoterismo. A scuola si è recato con un suo assistente, Nunzio Di Stefano, teologo che sta compiendo il percorso per diventare diacono e presidente diocesano del Gris (Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-religiosa)».Così Di Stefano ha riferito l’incontro . «La preside ci ha chiamati dicendo che una maestra era entrata in classe e aveva notato delle matite che si muovevano da sole. Ci ha chiesto consiglio su cosa fare e come comportarsi. Così siamo andati a scuola e abbiamo parlato con le insegnanti e informato sui pericoli di questi riti satanici. Perché con il diavolo non si scherza». In questo  video del Corriere Di Stefano racconta alcuni casi di esorcismo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *