Famiglie, Rampelli: «Creare occupazione è l’unica cura ai mali italiani»

Le famiglie italiane soffrono. “I dati dell’Istat sull’aumento della povertà in Italia impongono un totale cambiamento di approccio nelle politiche del lavoro e sociali. Diciotto milioni di persone che scivolano verso l’indigenza e l’esclusione non hanno bisogno di un bilancio elettorale a base di mancette”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli. La presa in giro di chi in televisione e sui giornali dipinge un’Italia che non c’è non è più tollerabile. L’Italia cresce poco, in maniera insufficiente. Soprattutto cresce mio di tutti in Europa. le parole servono a poco. Ora “È necessario -aggiunge Fabio Rampelli – produrre ricchezza, incentivare le aziende, creare nuova occupazione, aumentare e allargare la soglia dei contribuenti diminuendo il peso fiscale, incrementare le pensioni sociali. I poveri ‘costano’, pesano nella nostra coscienza civile prima ancora che sul sistema economico e sanitario”.