“Fai un video di scuse”: la gogna 2.0 imposta a chi offende i vigili a Roma (video)

giovedì 21 dicembre 13:29 - di Redazione

Una vicenda assurda che sta facendo il giro del web.  Non bastano il risarcimento pecuniario e la lettera di scuse. A Roma, chi viene denunciato per oltraggio dai vigili urbani, deve accettare l’umiliazione, la gogna e pubblicare online un video di scuse. A portare alla luce quanto accade nella Capitale è stata un’insegnante 32enne che, dopo aver reagito con qualche parola di troppo a una multa, si è vista recapitare dai vigili una lettera con la richiesta del video. La vicenda è stata raccontata da Repubblica, che pubblica la lettera recapitata all’insegnante: «Ai fini della riparazione è necessario che l’indagata pubblichi un video di scuse, attenendosi al rispetto delle indicazioni sotto riportate”. Indicazioni che in realtà sono regole ferree. Il video deve essere realizzato e diffuso con mezzi propri dall’indagato, deve restare online almeno due settimane e deve essere pubblicato “su una piattaforma di condivisione video, senza restrizioni per l’accesso e di ampia diffusione”. La gogna planetaria: la furia corre sul web.

Non basta neanche il proprio profilo Facebook: “YouTube, Megavideo, My Space, Google Video” indicano chiaramente i vigili, perché “Facebook, Twitter e Google+ sono incompatibili con la natura pubblica delle scuse”, perché il video sarebbe “nell’ambito di un numero ristretto di soggetti collegati tra loro”. Le regole sono precise: “il contenuto del filmato deve durare almeno 30 secondi. Le immagini devono riprendere chiaramente il volto del denunciato, che dovrà recitare un testo precompilato: “Io sottoscritto … con riferimento al procedimento penale a mio carico per oltraggio a pubblico ufficiale n. …, esprimo profondo rincrescimento per il comportamento tenuto nelle vicende per le quali sono indagato”. Poi le “più sentite scuse per le frasi proferite nell’occasione” e “l’apprezzamento per il lavoro quotidianamente svolto” dalla polizia locale a favore della cittadinanza”. Dopo aver ricevuto la lettera, firmata dal vicecomandante del Corpo,  l’insegnante e il suo avvocato si sono rivolti alla procura per chiedere che si “valuti se esistano profili penali di estorsione da parte del Corpo”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *