E Berlusconi da Vespa “finge” la gaffe: «Mussolini forse dittatore non era…»

“…Mussolini, forse un dittatore proprio non lo era…nel suo piccolo…” Parola di Silvio Berlusconi. E perciò: apriti cielo! Polemica scontata. Col Cavaliere che sorridendo derubrica subito tutto a semplice battuta. Al Tempo di Adriano viene presentato ‘Soli al comando‘, l’ultima fatica di Bruno Vespa con ospite d’onore proprio Berlusconi. Il nuovo volume del giornalista Rai parla dei ‘grandi della Terra’ e il leader di Forza Italia commenta: ”Non sono riuscito a dormire. Sono stato in piedi fino alle sei del mattino. Mi sono letto la parte dei grandi dittatori. Vedo che ci hanno messo Hitler e anche Mussolini, che forse un dittatore proprio non era… nel suo piccolo…”. Le parole di Berlusconi sul Duce sono miccia per una nuova polemica. Il moderatore Antonio Polito lo stuzzica in proposito e l’ex premier minimizza: ”La mia su Mussolini è solo una battuta di spirito”. “Non mi piace il titolo ‘Soli al comando’, non mi riconosco…”. Silvio Berlusconi poi però aggiunge che il titolo del volume di Vespa non lo convince affatto. E subito dopo rivela che tra “i grandi della Terra” descritti dal conduttore di ‘Porta a porta‘ quello che preferisce è l’ex primo ministro britannico Wiston Churchill: “Sono sempre stato affascinato da Churchill, architetto della vittoria dell’Occidente contro la dittatura in Germania di Hitler. Invito a leggere questo libro perché in questa maniera molti giovani possono avere più consapevolezza di cosa sia la democrazia e la libertà rispetto ai poteri tirannici”. L’ex premier è stato interrotto a un certo punto da una donna che ha gridato: “Non ho un lavoro, nessuno mi sta a sentire eppure io sono brava!”. Pronta la replica del presidente di Forza Italia: “Lei ha perfettamente ragione signora, ora mi segno quello che lei sta dicendo”. Un Cavaliere in grande spolvero. E tutto già proiettato in campagna elettorale.