Como, al via il raduno antifascista del Pd. Sinistra riunita sulle note di “Bella ciao”

Como si presenta stamattina come una città blindata per accogliere la manifestazione indetta dal Pd, cominciata sulle note di “Bella ciao” che i manifestanti cominciano a cantare già prima dell’inizio del corteo, al quale partecipano le diverse anime della sinistra. Ci sono infatti le bandiere del Pd ma anche quelle dell’Anpi e della Cgil. Sul palco i rappresentanti dell’associazione “Como senza frontiere”, nella cui sede hanno fatto irruzione alcuni giovani del Veneto Fronte Skinheads, leggeranno brani di Pertini e Calamandrei.

Sul palco, allestito sul lungolago Mafalda di Savoia sono stati annunciati tra gli altri, la presidente della Camera Laura Boldrini, il segretario nazionale del Pd Matteo Renzi, i ministri Maurizio Martina, Valeria Fedeli, Andrea Orlando, Roberta Pinotti e Graziano Delrio. Parteciperanno i sindaci di Milano, Giuseppe Sala, e Bergamo, Giorgio Gori, oltre alla numero uno della Cgil Susanna Camusso e al presidente del Piemonte Sergio Chiamparino. Assente, invece, il sindaco di Como di centrodestra, Mario Landriscina.

Forza Nuova, cui è stata vietata la contromanifestazione in piazza Vittoria per oggi alle 17.30, ha organizzato per questa mattina alle 11.30 un incontro pubblico al Palace Hotel, in lungo Lario Trieste, al quale parteciperà il segretario nazionale Roberto Fiore.

Matteo Renzi lasciando la manifestazione ha detto che è stata una “bellissima giornata”. Il ministro Maurizio Martina ha sottolineato che all’iniziativa hanno partecipato diecimila persone. Anche Matteo Salvini ha commentato il corteo di Como: “In piazza oggi a Como c’è chi sostiene l’immigrazione fuori controllo, domani a Roma con noi in piazza Santi Apostoli ci sarà chi è per un’immigrazione controllata e per una maggiore attenzione per le priorità degli italiani”.