Calci e pugni agli agenti che gli chiedono i documenti: romeno in manette

Una furia cieca e una violenza difficile da contenere e da gestire: così è apparso agli agenti, del commissariato Porta Maggiore aggrediti a calci e pugni, il 27enne romeno intercettato e fermato dalle forze dell’ordine per un semplice controllo dei documenti.

Calci e pugni agli agenti che gli chiedono i documenti

Una reazione a dir poco inconsulta ed eccessiva, che ha colto di sorpresa gli stessi agenti contro i quali il giovane straniero a menato calci e pugni solo perché gli avevano chiesto i documenti d’identità. Non solo: una volta fatto salire a bordo della vettura per essere portato negli uffici di polizia, l’uomo – ancora evidentemente alterato – ha infranto il lunotto posteriore dell’auto. Per lui, ovviamente, sono scattate le manette per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché danneggiamento ai beni dello Stato. Resta sempre da capire il perché di una reazione così esasperata a una banale richiesta di documenti…