Scaraventa un poliziotto giù dalle scale: gesto folle alla stazione di Napoli

Ancora un atto di violenza nei confronti delle forze dell’ordine: è avvenuto alla Stazione Centrale di Napoli. Un gesto vertamento folle. Un vagabondo, preso da un raptus di violenza, si è scagliato contro il portone d’ingresso del Compartimento della Polizia Ferroviaria sfondandolo a calci e pugni. All’interno si è lanciato contro alcuni agenti presenti, ferendone uno scaraventandolo giù per le scale. Non è la prima volta e per questo protesta il sindacato di polizia Coisp. Si tratta, spiegano, della “conferma di ciò che si temeva prima o poi sarebbe accaduto. Oggi si piange un poliziotto ferito senza alcun biasimo da parte della Politica o dell’opinione pubblica in merito, ma se gli agenti avessero, giustamente, reagito in modo diverso e ad essere finito giù per le scale fosse stato il folle aggressore, mi chiedo cosa sarebbe successo?”.

Polfer: “E’ un attacco allo Stato”

Secondo le prime indagini , l’esagitato senzatetto sotto effetto di droga, si è scagliato contro il portone del Compartimento della Polfer, sferrando calci e pugni contro la porta. Riesce ad entrare e si trova davanti sette agenti. Scatta una colluttazione violenta. Il vagabondo, braccato, riesce a colpire e ferire uno dei poliziotti fino a spingerlo giù per le scale, rischiando di trasformare un normale pomeriggio di festa in una tragedia.“Chiediamo un tempestivo ed incisivo intervento di tutti coloro deputati a farlo, in primis la Politica che non può continuare ad essere sorda e cieca di fronte a questo dilagante fenomeno di attacco alle Forze dell’ordine, che altro non è che un attacco allo Stato”. Sono le parole di Giuseppe Raimondi, Segretario Generale Provinciale del Sindacato di Polizia Coisp rilasciate a Napoli Today. “Siamo stanchi – prosegue – di vedere attacchi così efferati nei confronti di persone che hanno la sola colpa di vestire una divisa e tutelare anche coloro dai quali si viene aggrediti”. “Non escludiamo – termina il leader partenopeo del Coisp – che per questa spiacevole quanto grave situazione, una rappresentanza di poliziotti possa manifestare simbolicamente davanti alla Prefettura di Napoli proprio nel giorno di Natale”. Solo qualche mese, sempre a Napoli, alcuni agenti erano stati feriti a coltellate in piena faccia.