Berlusconi e le tre “i” del M5S: «Inutili, incapaci e invidiosi. Io unico leader»

«Abbiamo stabilito con Matteo Salvini – e oggi devo avere l’ok anche dalla Meloni– di insediare la prossima settimana il tavolo per mettere il definitivo sì sul programma del centrodestra, che è molto, molto avanzato». Lo ha annunciato Silvio Berluscono a Mattino Cinque, rassicurando su tempi, modalità e temi da affrontare in piena unità di intenti. Un Silvio Berlusconi a tutto campo, che spazia con parole di fuoco dal pericolo dei 5Stelle alla sua rivoluzione fiscale, dalla discesa in campo nel ’94 alla questione femminile. «Governare oggi un Paese come l’Italia non  è possibile se non si è avuto una grande e profonda esperienza nel mondo del lavoro e dell’impresa. Ed io ritengo di essere l’unico oggi in Italia ad avere questa capacità. Guardando agli altri leader ho ritenuto di essere l’unico con un’esperienza così forte da poter riordinare l’Italia in modo scientifico».

Berlusconi: il programma per l’Italia

«La situazione italiana è molto grave- esordisce- Ho sentito in me lo stesso senso di responsabilità del ’94», quando incombeva il pericolo comunista, e «ho deciso di fondare un nuovo partito. Allora ho capito che solo con la mia discesa in campo avrei impedito ai comunisti di andare al governo». Anche oggi, racconta «mi sono ritrovato lo stesso senso del dovere» di fronte alla possibilità che i ”signori dei cinque stelle” possano andare a palazzo Chigi. «Sono diventati i veri professionisti della politica, dipendano da un vecchio comico e un misterioso professionista di comunicazione. Sono persone invidiose di chi ha, dei ricchi, degli imprenditori. Il loro programma è un programma da pauperisti». Berlusconi scandisce tutti i motivi di una opposizione ai grillini che dovrà essere posta in essere.

«Con i 5stelle avremmo un governo giustizialista»

«Di Maio è solo un front-man, il vero presidente del Consiglio è Pier Camillo Davigo…». Il Cav avverte e rivela: «Oltre che pauperisti, i cinque stelle sono anche giustizialisti. Una confessione fatta da qualcuno vicino a Grillo ci dice che Di Maio è solo il front-man, l’apparenza come candidato alla presidenza del Consiglio, perché il vero presidente del Consiglio sarebbe Davigo, che avrebbe stipulato con Grillo il patto di portare otto magistrati di sinistra al governo… Non so se questa favola che circola negli ambienti della politica sia vera. Ma confermo che se vincessero, sarebbe un disastro per il Paese». Ancora: «I grillini sono diventati i veri professionisti della politica, non hanno mai lavorato. Sono persone invidiose e la loro invidia si trasforma in odio. Da qui un programma di tasse che porterebbe alla rovina il nostro Paese». Se i cinque stelle andassero al governo, «sarebbe un disastro per la classe media, per gli imprenditori e tutta l’Italia».

«All’Italia serve una rivoluzione fiscale»

All’Italia serve invece una rivoluzione fiscale: «Bisogna arrivare a una completa semplificazione dello Stato con una riorganizzazione scientifica di tutti i suoi apparati e le amministrazioni pubbliche», spiega il leader di Forza Italia. Che enumera anche la sua ricetta per il fisco: una flat tax «inferiore a tutte le aliquote in vigore adesso» che rende più difficile l’evasione e permette di aumentare le entrate dello Stato, abbattere le tasse e alzare le pensioni minime.

E poi c’è un altro tema caro a Berlusconi: la legge contro la violenza sulle donne. «La sinistra al governo ha marciato nella direzione opposta rispetto a quanto fatto dal mio governo quando era ministra per le Pari opportunità Mara Carfagna», spiega. «Sono arrivati a dire che il reato per stalking poteva essere estinto pagando. Per noi la tutela delle donne è sempre stato prioritario, la sinistra l’ha tirato fuori come qualcosa da sventolare a tre mesi dalle elezioni». E ancora: «Quando la sinistra è andata al governo non ha fatto nemmeno il ministro delle Pari opportunità. Dopo un po’ di tempo e dopo le nostre proteste,  hanno dato la delega alla Boschi ad occuparsi di tale tematica, ma non ha fatto assolutamente nulla. Noi la difesa dei diritti delle donne ce l’abbiamo come fatto prioritario», ha scandito Silvio Berlusconi a Mattino Cinque.