Bandiera neonazista in una caserma dei carabinieri. È bufera

Una bandiera di guerra del secondo Reich, simbolo di gruppi neonazisti appesa alla parete di una camerata nella caserma dei carabinieri. È polemica dopo il video pubblicato da “Il sito di Firenze” all’esterno della caserma Baldissera del capoluogo toscano.  La caserma Baldisserra si trova sul lungarno Guglielmo Pecori Giraldi, non lontano dal centro storico di Firenze, e ospita il VI Battaglione carabinieri Toscana e gli uffici del comando regionale. Subito dopo la pubblicazione il comando provinciale dei carabinieri ha avviato gli accertamenti del caso e individuato il proprietario della bandiera. Si tratta di un giovane che rischia ora pesanti conseguenze disciplinari. In corso anche valutazioni su eventuali profili penali.

Il fatto, in sé limitato a un milite, è enfatizzato dalla sinistra, che scatena la bufera sul’Arma. «È indecente che una bandiera neonazista sia esposta in una caserma dei carabinieri a Firenze. Ci mancano solo i neonazisti nelle forze dell’ordine», afferma il segretario nazionale di Sinistra italiana Nicola Fratoianni. «Il governo e la ministra Pinotti- conclude il leader di Si- vengano in parlamento a riferire su questo altro nuovo episodio che coinvolge esponenti dell’Arma».