Austria, 6 ministri alla destra radicale. Gli antifascisti sul piede di guerra

Interni, Difesa ed Esteri: sono ministeri di primo piano quelli che, in Austria, andranno a esponenti del partito di destra radicale Fpoe. In totale si tratta di sei dicasteri su 16, ai quali va aggiunto anche un sottosegretario. A illustrare la composizione del governo è stato il cancelliere designato Sebastian Kurz dell’Oevp, che con i suoi 31 anni sarà il più giovane premier al mondo.

Anche in Austria antifascisti mobilitati

Ad affiancare il popolare Kurz, con l’incarico di vicepremier, sarà proprio il leader del Fpoe Heinz-Christian Strache. I due vertici del nuovo governo austriaco, già definito nero-blu, hanno incontrato in mattinata il presidente Alexander van der Bellen nella Hofburg di Vienna per presentare la squadra di governo, prima di renderla ufficiale di fronte al Paese. È stato proprio il presidente a spiegare che, se tutto andrà come previsto, «nulla impedisce che il giuramento del futuro governo avvenga all’inizio della settimana che viene». Dunque, la cerimonia è attesa per lunedì. Una giornata che per Vienna promette di essere caldissima: contro il governo e in particolare contro la presenza del Fpoe, sono annunciate 6 manifestazioni. Ma lo stesso Van der Bellen, che in passato si è mostrato piuttosto critico nei confronti degli esponenti del Fpoe, ha augurato «tutto il meglio» al nuovo esecutivo, aggiungendo di confidare in una «collaborazione basata sulla fiducia come sinora».

Chi sono i ministri del Fpoe

Dal canto suo Kurz ha ribadito che le priorità sono la riduzione delle tasse, la ripresa dell’economia e maggiore sicurezza, anche attraverso il contrasto all’immigrazione illegale, e ha spiegato che il nuovo governo che si impegna a concretizzarle è costituito da «un’ottima e forte squadra». In particolare, agli esponenti popolari vanno il ministero per la Cancelleria, l’Ue, i Media l’Arte e la Cultura, affidato a Gernot Bluemel; il ministero alle Finanze con Hartwig Loeger; Economia, dove arriva Margarete Schramboeck; Istruzione e Università e Asili infantili, affidato a Heinz Fassmann; Donne e Famiglia a Juliane Bogner-Strauss; Giustizia e Riforme statali a Josef Moser; Agricoltura e Ambiente a Elisabeth Koestinger; mentre la sottosegretaria agli Interni è Karoline Edtstadler. Per il Fpoe ci saranno invece il vicecancelliere Heinz-Christian Strache; agli Interni, Herbert Kickl; alla Difesa Mario Kunasek; alle Infrastrutture, Norbert Hofer; Sociale e Salute, Beate Hartinger; Esteri, Karin Kneissl; sottosegretario alla Finanze Hubert Fuchs.