Arriva in Italia la super canna elettronica, devastante come l’ecstasy

Preoccupa in Francia la diffusione tra i giovani dell’uso di un liquido per sigarette elettroniche, il Buddha blues, prodotto di sintesi composto al 95% dal principio attivo della cannabis (Thc). La sostanza avrebbe effetti simili all’ecstasy. L’allarme è scattato a metà dicembre quando il direttore di un centro di formazione della regione di Brest aveva allertato le autorità dopo che alcuni studenti avevano manifestato sintomi inquietanti: paralisi, paranoia, allucinazioni. Problemi per i quali alcuni giovani erano stati portati in ospedale. Tutti avevano ‘svapato’ con il Buddha blues, acquistato per poche decine di euro direttamente sulla darknet o da rivenditori che la importano: solo ieri a Brest è stato fermato un ‘importatore’ 17enne e tre giovani spacciatori.

Le fiale della nuova droga, di colore blu- turchese, possono essere importate in Francia quasi legalmente, a causa di un vuoto legislativo legato sia al fumo elettronico sia al cannabidiolo, sostanza legale sotto forma di farmaco. Ma, al momento, non esistono nel Paese medicinali di questo tipo. Da qui la possibilità di trovare strade semi legali per l’importazione del principio attivo. ‘Svapare’ con il Buddha blues, però, sembrerebbe essere particolarmente pericoloso. I suoi effetti sarebbero istantanei e tali che gli stessi rivenditori consigliano di non fumare più di tre volte di seguito. Le autorità stanno ancora analizzando le fiale sequestrate fino ad oggi, per conoscere con la massima precisione la composizione.

Si teme, a breve, l’arrivo anche in Italia con i canali illegali dello spaccio di droghe leggere.