Accusato di violenza su una bimba di 10 anni, il processo slitta per un errore

È stato rinviato per un difetto di notifica il processo a un 45enne accusato di violenza sessuale aggravata e continuata su una bambina di dieci anni, figlia della sua convivente. È successo a Catania, dove la quarta sezione del Tribunale penale ha fissato la prossima udienza tra cinque mesi, il prossimo 22 maggio.

L’accusa di violenza sessuale aggravata

Secondo l’accusa, l’uomo avrebbe più volte approfittato della piccola che restava a casa con lui mentre la madre, che si era separata, andava al lavoro. Avrebbe anche minacciato la sua vittima di ritorsioni nei confronti dei genitori. Le indagini dei carabinieri sono state avviate nel Catanese dopo che un familiare della bambina, che abita nello stesso palazzo, ha visto sul cellulare di sua figlia, una cuginetta della vittima, un messaggio che le aveva mandato l’uomo con avance sessuali e promesse di soldi. È stata la madre della piccola a denunciare il suo allora convivente. La bambina, per precauzione, è stata allontanata da casa e affidata al padre.