«Abbiamo visto il missile di Kim»: la testimonianza di un equipaggio

L’equipaggio di un volo della Cathay Pacific che sorvolava il Giappone avrebbe avvistato il missile lanciato dalla Corea del Nord il 29 novembre. Secondo quanto confermato dalla compagnia alla Bbc, l’equipaggio avrebbe assistito «a ciò che si sospetta essere il rientro» del missile nell’atmosfera terrestre. Il missile testato nei giorni scorsi ha finito la sua corsa in acque giapponesi ma ha raggiunto la maggiore altezza mai raggiunta finora in un test della Corea del Nord.

Corea del Nord, l’avvistamento dell’ultimo lancio

Stando al South China Morning Post, il manager generale delle operazioni della Cathay, Mark Hoey, avrebbe informato il proprio staff nei giorni scorsi del fatto che «l’equipaggio del CX893 – ha riferito – state in guardia, abbiamo assistito all’esplosione del missile nordcoreano precipitato vicino alla nostra attuale posizione». In un comunicato ufficiale  la Cathay Pacific  ha chiarito: «Il 29 novembre, l’equipaggio del volo CX893 ha segnalato di aver avvistato quello che si sospetta fosse il rientro del recente missile test della Corea del Nord. Nonostante il volo fosse lontano dal luogo dell’avvenimento, l’equipaggio lo ha segnalato, come da procedura, all’autorità per il controllo aereo giapponese. L’operatività è rimasta normale e non ha subito conseguenze. Siamo in contatto con le autorità competenti e con altre compagnie aeree. Al momento nessuno sta modificando rotte o parametri operativi».

Anche due velivoli sudcoreani partiti da Seul per gli Stati Uniti avrebbero visto il lancio. Si tratta dell’ultimo lancio di Pyongyang, il missile “Hwasong-15”, poi caduto nelle acque del Giappone e che, secondo gli esperti, potrebbe avere una gittata da 13mila chilometri, un dato che potrebbe porre gli Usa nel mirino di Pyongyang.