6000 persone spiate dai fratelli Occhionero, intercettate 3,5 milioni di mail

martedì 12 dicembre 18:56 - DI Paolo Lami

Oltre tre milioni e mezzo di mail carpite e seimila persone spiate dal 2004. Sono questi i numeri alla base della nuova inchiesta aperta a carico dei fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero, già a processo con l’accusa di aver avviato un’attività di cyberspionaggio su larga scala, e ai quali, ora, la Procura di Roma contesta anche l’accusa di spionaggio politico.

I numeri dell’attività svolta dai due fratelli romani, sono stati resi noti oggi dal pm Eugenio Albamonte, nel corso dell’udienza del processo nel quale i due sono imputati. I dati sono emersi dal lavoro svolto dagli specialisti Cnaipic che, grazie anche alla collaborazione dell’Fbi, sono riusciti a “sbloccare” i server americani dei due indagati e a ricostruire la rete creata su almeno 9 pc riconducibili agli Occhionero.

«Gli indirizzi mail sono pubblici e alla portata di tutti e non c’è alcuna prova di sottrazione di dati da parte nostra», ribattono i due fratelli alle accuse. Giulio Occhionero, che è legato ad ambienti massonici – «in quanto membro della loggia “Paolo Ungari-Nicola Ricciotti, Pensiero e Azione” di Roma, della quale in passato ha ricoperto il ruolo di Maestro Venerabile, parte delle logge (la numero 773) del Grande Oriente d’Italia», scrivono i magistrati – avrebbe acquisito dati attraverso una rete di computer infettati con un “malware” denominato “Eyepiramid“, da cui il nome dato all’indagine.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *