Vendeva “pozioni magiche” e sortilegi online: smascherata “maga” della truffa

È dai tempi dello scoop di Striscia la notizia e delle denunce contro mamma e figlia Marchi che l’attenzione mediatica non si concentrava più tanto su fatture e pozioni in vendita a caro prezzo. E invece c’era chi, occultandosi nel web, vendeva online “pozioni magiche”, “talismani e polveri” capaci di risolvere ogni problema di cuore, anche con riti a distanza: e tutto grazie alla «potentissima magia angelica». E si fa strda sui media l’ennesima truffatrice online abile nell’approfittarsi dell’ingenuità e della fragilità delle vittime a cui si rivolgeva…

Vendeva “pozioni magiche” sul web: denunciata

Un business ancora incredibilmente remunerativo se è vero che, per ricevere a domicilio questi “intrugli miracolosi” una donna caduta in depressione si è vista chiedere 2600 euro: una cifra esorbitante che deve averle insinuato il dubbio, tanto da indurla a trovare il coraggio di denunciare la «maga truffatrice». E così, una 54enne di Trieste, con una nutrita serie di analoghe denunce a suo carico, finora limitate al territorio del Friuli Venezia Giulia, è stata identificata e denunciata dai carabinieri della stazione di San Marcello Piteglio (Pistoia) per truffa ai danni di una 55enne di San Marcello, che ha sporto querela contro di lei. La 54enne è titolare di una serie di siti apparsi anche su social come Facebook, dove vengono pubblicizzate pratiche e pozioni “magiche” per la soluzione di problemi vari, specie di natura affettiva con partner, parenti e conoscenti.

Nefaste previsioni per la vittima della truffa…

La vittima della truffa, si era rivolta a gennaio alla 54enne che si spacciava sul web con l’appellativo di «dottoressa Rossella», disponibile a risolvere una serie di problematiche strettamente personali inviando a domicilio, per l’immediata soluzione di quanto prospettato, «talismani e polveri magiche» varie. Il “trattamento” prevedeva anche l’esecuzione di riti a distanza caratterizzati, come pubblicizzato sul sito, dalla «potentissima magia angelica”. Alla vittima sono stati chiesti complessivamente 2600 euro da gennaio ad ora e la truffatrice ha anche in più di un’occasione chiaramente prospettato alla vittima gravi conseguenze e pericoli, ovviamente assolutamente immaginari, qualora avesse interrotto l’acquisto delle pozioni e prestazioni della “dottoressa”, facendo leva sulla sua condizione di sudditanza psicologica indotta dalle effettive problematiche patite. Non a caso, in un’occasione la truffatrice aveva detto alla vittima che l’interruzione dei riti avrebbe provocato l’intervento di non meglio precisate «larve astrali» in grado di succhiare l’energia alle persone causando incidenti di vari natura. Per fortuna la vittima dopo avere constatato l’assoluta infondatezza di tutte queste pratiche, aveva prospettato i suoi dubbi alla ”dottoressa” facendole chiaramente capire che non avrebbe più continuato a pagare inutilmente il danaro che le veniva continuamente richiesto, e quest’ultima con un audio messaggio l’aveva ricoperta di insulti e minacce per l’interruzione dei «riti». Alla fine della fiera delle vanità e delle funeste previsioni, allora, la 55enne si è quindi risolta a denunciare il tutto alla locale stazione dei carabinieri. Era ora…