Torino, studente universitario preso a calci e pugni senza motivo sul treno

Pugni in faccia e calci in testa: un’aggressione senza motivo, fulminea, ad opera di ragazzi mai visti prima. La vittima, uno studente 19enne di Lanzo, è finito al pronto soccorso dell’ospedale di Ciriè, dove è stato poi dimesso con una prognosi di dieci giorni. Ora i carabinieri stanno cercando di risalire a chi lo ha pestato in maniera gratuita su uno dei vagoni del treno della linea Torino-Ceres.

La notizia è riportata sul sito del quotidiano La Stampa, che spiega come l’aggressione sia avvenuta l’altra sera sull’ultima carrozza del convoglio partito dalla stazione di Torino Dora alle 18,13.  Lo studente tornava dall’università. “Improvvisamente gli si avvicinano due ragazzi e una ragazza parecchio «vivaci», forse sotto l’effetto dell’alcol. A questo punto – da quello che sono riusciti a ricostruire i carabinieri della Compagnia di Venaria – il giovane avrebbe deciso di cambiare posto. E i tre avrebbero iniziato a schernirlo e insultarlo. Fino a quando due di loro, improvvisamente, lo avrebbero assalito brutalmente senza un motivo. Una questione di un minuto, due, non di più. Ma quanto basta per colpire lo studente con pugni al volto e anche con dei calci in testa, quando è finito accasciato in mezzo ai sedili”. Nel vagone non c’era nessuno e l’allarme è stato dato da un’impiegata che quando ha visto come era stato ridotto dai suoi aggressori si è messa a urlare e ha chiesto aiuto. Ora vengono visionati i filmati delle telecamere sistemate nelle stazioni di Torino Dora e di Ciriè. Dove sarebbero saliti e scesi dal treno i due ragazzi e la ragazza che dovrebbero avere dai 18 ai 20 anni per risalire ai responsabile del brutale pestaggio.