Sicilia, revocati gli arresti domiciliari a De Luca. E lui: affanculo tutte le mafie (video)

Revocati gli arresti domiciliari a Cateno De Luca. Il gip di Messina ha disposto la revoca degli arresti domiciliari per il neodeputato dell’Udc accusato di evasione fiscale. L’arresto è stato sostituito con l’interdizione e il divieto di esercizio di posizioni apicali negli enti coinvolti nell’inchiesta. Per il giudice sussistono i gravi indizi di colpevolezza di De Luca, ma si sarebbero affievolite le esigenze cautelari. La settimana scorsa, dopo le continue esternazioni sui social del deputato il gip aveva disposto il divieto di comunicazione con l’esterno. De Luca non ha mancato di commentare con un linguaggio decisamente slang la notizia su Facebook: «Ed affanculo tutte le forme di mafia compresa quella giudiziaria! Stiamo denunziando tutti!». Il neoconsigliere regionale siciliano ha anche postato un video con il commento: «Guardate che sono un uomo libero, state tranquilli. Perché un minuto fa il gip ha revocato l’arresto, ha revocato il sequestro, ha revocato tutto».  Non è la prima volta che de Luca commenta sui social, tanto che sempre il gip di Messina aveva aggravato la misura cautelare con il divieto di comunicare con l’esterno. Anche per Carmelo Satta, ex presidente della Fenapi (Federazione nazionale autonoma piccoli imprenditori), il gip ha disposto la revoca degli arresti domiciliari sostituendo la misura con quella interdittiva del divieto di esercizio di posizioni apicali negli enti coinvolti nell’inchiesta.