Sconti e bonus, la lista completa: lo zuccherino per far digerire la stangata

Nella Manovra approvata dal governo rimangono al solito fuori dai radar le famiglie. Sono presenti alcuni sconti e bonus mirati, misure studiate dall’esecutivo per edulcorare la stangata e per evitare di mettere le mani nelle tasche degli italiani, in maniera troppo disinvolta. Favorito in alcuni casi – e laddove possibile – il risparmio su questioni fiscali. Dal trasporto pubblico al bonus verde, ecco quindi la ‘lista dei risparmi’ per il cittadino nel 2018. Uno zuccherino, un contentino.

Tasse locali – Il blocco degli aumenti delle aliquote delle tasse locali sarà prorogato per il 2018. Per l’anno 2018 i comuni che hanno già deliberato possono continuare quindi a mantenere con espressa deliberazione del consiglio comunale la stessa maggiorazione confermata per gli anni 2016 e 2017.

Trasporto pubblico – Tornano le agevolazioni fiscali sugli abbonamenti al trasporto pubblico. La detrazione è relativa alle spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale per un importo non superiore a 250 euro. Sconti anche sulle somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti dal datore di lavoro o le spese sostenute direttamente dal datore di lavoro per l’acquisto degli abbonamenti per il tpl regionale e interregionale del dipendente e familiari.

80 euro – Le soglie di reddito necessarie per ottenere il bonus Irpef da 80 euro si alzano: il tetto di 24.000 euro sale infatti a 24.600, mentre quello di 26.000 sale a 26.600. Si amplia quindi la platea di quanti potranno usufruirne.

Fondi per le famiglie – E’ poi istituito un fondo da destinare a interventi per le politiche della famiglia con una dotazione di 100 mln di euro annui a decorrere dall’anno 2018.

Bonus cultura per i 18enni – Diventa strutturale il bonus cultura per i diciottenni estendendosi quindi ai soggetti che compiranno la maggiore età nel 2018 e negli anni successivi.

Bonus mobili – Prorogato di un anno il bonus per l’acquisto di mobili per appartamenti oggetto di ristrutturazioni. La detrazione riguarderà il 50% della spesa su un massimo di 10mila euro.

Bonus verde per terrazze e giardini – Detrazione del 36% per le spese destinate a terrazzi e giardini per chi volesse renderli più curati e belli con nuove piante, ma anche con sistemi d’irrigazione. E’ valido sia per gli spazi verdi privati che condominiali, oltre che per i giardini di interesse storico. Si tratta di una detrazione simile a quella per le ristrutturazioni edilizie e per l’acquisto di elettrodomestici, che permette di richiedere il rimborso dei costi sostenuti fino a 5mila euro nella denuncia dei redditi.