Riva Destra, Lorenzo Loiacono eletto nuovo coordinatore romano

Riva Destra ha celebrato a Roma, presso il Conference Center Sala Da Feltre, il suo terzo Congresso romano, eleggendo per acclamazione il nuovo coordinatore, Lorenzo Loiacono. Il Comitato romano del movimento nato nel 1993 dallo storico primo circolo di Alleanza Nazionale, ha varato poi il suo organigramma, benche’ provvisorio. E questo perché, si spiega in una nota “stiamo ricevendo parecchie adesioni e vogliamo valorizzare le migliori energie”. Cristiano Spadola e’ il vicario, insieme ad altri 4 vicecoordinatori che si divideranno 4 quadranti della Capitale: Giancarlo Bertollini, Patrizia Cottone, Diamante Guerra e Salvatore Scollo. La responsabile delle donne sara’ Patrizia Passerini, coadiuvata da un direttivo tutto ‘in rosa’ e composto da Krassimira Kemalova, Michela Procaccia, Ornella Giordano, Luciana Nanni, Donatella Crostelli e Daniela Vespa. Nominato anche un direttivo che si occupera’ dei dipartimenti: ne fanno parte Sigfrido Burelli, Fabrizio Cecchetti, Carlo D’Amico, Alessandro Terradura e Claudio Zeppieri. La prima delega e’ stata gia’ affidata a Giorgio Tammaro per il commercio nel centro storico. Gia’ praticamente pronta la griglia dei coordinatori municipali: Patrizia Amorelli (I), Carlo D’Amico (II), Michele Lunetta (IV), Maurizio Benedetti (V), Giuseppina Vallecca (VI), Diamante Guerra (VIII), Renzo Rapetti (X), (XI), Patrizia Di Giulio (XI), Luciano Cambareri (XIV) e Maria Pia Bardi (XV), Del Comitato romano faranno anche parte il consigliere capitolino Fabio Sabbatani Schiuma, segretario nazionale di Riva Destra, Cristina Franchi, capo della segreteria politica, Giuseppe Mure’, responsabile dell’Organizzazione, oltre che Cristiano Falcone, Massimo Ferabecoli, Stefano Mariuttini, Massimiliano Mastropietro e Pietro Paolo Morelli, che si occupera’ della provincia. “Ripartiamo ancora piu’ convinti della nostra comunita’ militante -si legge nella nota del Comitato romano- orgogliosamente di destra, e siamo felici delle nuove adesioni arrivate da parte di persone che hanno abbandonato come noi, un progetto (Noi con Salvini) finito nelle mani di riciclati e carrieristi che cercando il mero interesse personale, hanno finito con il fare figuracce, come accaduto nelle recenti elezioni a Ostia. Come nel 2006 avemmo il coraggio di dire no ad un Fini all’apice della popolarita’, la dignita’ ci ha imposto di fare un passo indietro dalla galassia ‘salviniana’, ora tutta colonizzata da chi salta da un partito all’altro procurando solo discredito e disillusione nella nostra area politica. Noi siamo ancorati al centrodestra e a Gennaio prossimo riuniremo la nostra Direzione Nazionale per decidere chi meriterà il nostro sostegno alle prossime elezioni politiche: ossia chi avra’ rispetto per il nostro ius sanguinis di destra”.