Rimini: Guerlin Butungu condannato a 16 anni per gli stupri di agosto

E’ stato condannato a 16 anni Guerlin Butungu, il 20enne congolese accusato di avere violentato una giovane polacca e una transessuale peruviana la notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi a Rimini. La sentenza è stata emessa dalla Corte d’Assise al termine del processo che si è concluso oggi nella città romagnola: Butungu ha usufruito dello sconto di un terzo della pena previsto dal codice di procedura penale nel caso di rito abbreviato. Una condanna superiore alla pena richiesta dall’accusa: per il 20enne la procura riminese aveva chiesto 14 anni e due mesi di reclusione o, nel caso in cui la Corte avesse riconosciuto la continuazione tra i reati contestati, 12 anni e due mesi. I giudici hanno disposto una provvisionale di 30mila euro per le due vittime dello stupro e una di 20mila euro per l’amico della turista polacca vittima del pestaggio in spiaggia. La notte di terrore per la coppia polacca – appartatasi sulle spiagge di Miramare – era iniziata con una semplice domanda: “Di dove siete?”, aveva chiesto in inglese uno del branco mentre la coppia di polacchi era seduta su un telo in spiaggia di Rimini. In compagnia di Butungu c’erano un nigeriano di 16 anni e due fratelli marocchini entrambi minorenni. Secondo la ricostruzione che dei fatti feve il Gip che convalidò gli arresti, i quattro aggressori avevano picchiato il ragazzo e violentato la donna con “brutalità e inutile cattiveria”. Una scena che il giudice definì “agghiacciante”.