Razzi, incredulo su Di Battista annuncia: «Io mi sento giovane e forte. Mi ricandido» (VIDEO)

giovedì 23 novembre 15:53 - di Giulia Melodia

Da mediatore di pace con il dittatore nordcoreano Kim Jong-un, ad ambasciatore della longevità parlamentare per il grillino Alessandro Di Battista: è un Antonio Razzi indomito almeno quanto eclettico, quello che imperversa sulla scena mediatica – dai servizi delle “Iene” al web – capace di discettare e di intervenire su tutto un po’.

Razzi e le ipotesi sull’addio di Di Battista

E così, intercettato dai microfoni dell’Agenzia Vista, e interpellato in merito all’annunciato addio alle scene istituzionali del grillino neo-papà, Razzi prova a ipotizzare la sua teoria sull’inspiegabile – a sua detta – e prematuro commiato dai palazzi della politica. «potrebbe essere anche un trucco del mestiere», si azzarda a dire sulle prime il senatore azzurro sospettando che, «magari, dire di andarsene può produrre più consensi». Oppure, paventa una seconda possibilità l’ingegnoso politico, l’annunciato congedo di Di Battista potrebbe essere la risposta alla delusione per la «promozione di Di Maio a premier». La risposta non ce l’ha in tasca, stavolta, il senatore Razzi: è in dubbio sulle due ipotesi da seguire. Ma sulla inopportunità della scelta adottata e annunciata a mezzo stampa dall’esponente grillino è certo: «È sbagliato abbandonare dopo una sola legislatura», anzi, rincara la dose, addirittura «impossibile».

«Io? Mi sento ancora giovane e in forma»…

E d’altro canto conferma incredulità e inopportunità della scelta rivendicata da Di Battista ribadendo che, se il movimentista a 5 stelle non si ricandida, al contrario lui si sente «giovane e in forma, pronto per lavorare per bene italiani». E così, mentre commenta l’addio del grillino, il senatore Razzi annuncia la sua intenzione di ricandidarsi anche alle prossime elezioni. E questa, stavolta, è una certezza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *