Pusher aggredisce con bottigliate e bastonate 4 giovani: non volevano droga

Non solo Brumotti in veste anti-pusher di Striscia la notizia: anche altri giovani sono stati aggrediti da uno spacciatore albanese su di giri dopo essere stati da lui pesantemente importunati e dopo aver declinato con veemenza i suoi reiterati inviti all’acquisto di droga. Proprio così: quattro ragazzi a spasso per Firenze sono stati malmenati e insultati da un pusher per non aver voluto acquistare della droga.

Firenze, aggrediti dal pusher perché non vogliono droga

Al termine di una ripetuta aggressione, l’albanese 25enne è stato arrestato, ma prima che venisse neutralizzato il gruppetto delle 4 vittime se l’è vista brutta per un po’. È successo la scorsa notte nel centro storico di Firenze, poco prima delle ore 4. Un giovane 28enne inglese in compagnia di tre amici che si trovavano in piazza Santa Croce sono stati avvicinati da uno spacciatore che, insistentemente, ha offerto loro dello stupefacente. In un primo momento il 28enne ha mostrato disinteresse all’acquisto non considerando proprio lo spacciatore, poi, vista la sua insistenza, ha cercato di allontanarlo. A quel punto, lo spacciatore ha afferrato per la gola la vittima mentre brandiva con l’altra mano una bottiglia di vino che sono riusciti a togliergli i suoi amici intervenuti in sua difesa, liberandolo dalla morsa. Allora lo spacciatore ha preso un’altra bottiglia scagliandola verso i quattro giovani, fortunatamente senza colpirli. Vista la situazione il gruppo di giovani ha cercato di allontanarsi in direzione via Ghibellina quando, poco più avanti, all’altezza di via Torta, è riapparso lo spacciatore che ha scagliato nuovamente una bottiglia verso di loro, anche in questa occasione senza colpirli.

Solo l’arrivo dei militari argina la furia del pusher

I quattro a quel punto, consapevoli della pericolosità dei gesti dello spacciatore, hanno cercato di fermarlo senza riuscirci. Poco dopo gli amici lo hanno visto seduto nella piazzetta di via Verdi, come se niente fosse, magari pronto a una nuova aggressione immotivata. Così, nel tentativo di fermarlo, lo spacciatore si è agitato nuovamente, ha rotto una sedia e un tavolo e, afferrando una gamba, si è scagliato di nuovo contro il 28enne colpendolo alla testa, provocandogli un vistoso taglio. Giunti sul posto i carabinieri, nel frattempo attivati da passanti allarmati, hanno notato l’aggressore che alla loro vista si è liberato di un bastone, cercando invano di allontanarsi: bloccato dai militari dell’Arma – che hanno ovviamente sequestrato il bastone – i successivi accertamenti hanno permesso di rinvenire nella sua disponibilità circa 1 grammo di cocaina. Si tratta di un albanese di 25 anni, noto già per i suoi trascorsi. Per lui sono scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e lesioni personali aggravate. La vittima ha riportato lesioni guaribili in 10 giorni per un trauma cranico. Su tutto, poi, ha pesato la paura che potesse finire anche peggio.