Primo ok per la manovra: dallo scudo fiscale alla rottamazione delle cartelle

Le bollette telefoniche tornano a 30 giorni; la rottamazione delle cartelle fiscali viene estesa; arriva lo scudo fiscale ter e ritorna il carcere per il reato di stalking; la cannabis medica sarà venduta dalle farmacie; gli studenti under 14 potranno uscire da scuola soli. Il decreto legge collegato alla manovra ottiene il suo primo via libera, dall’aula del Senato, che ha approvato il maxiemendamento (con le modifiche della commissione Bilancio) su cui il governo ha posto la fiducia. Il provvedimento, che passa alla Camera per la seconda lettura, ha ottenuto 148 sì; 116 i no, nessun astenuto. Bollette telefono: Bollette mensili per abbonamenti telefonici, tv e internet. Con l’eccezione delle offerte promozionali, che potranno avere scadenze inferiori. Gli operatori del settore avranno 120 giorni per adeguarsi alla misura, se non lo fanno dovranno rimborsare ogni cliente pagando 50 euro. Rottamazione cartelle: Viene estesa la definizione agevolata dei carichi fiscali affidati alla riscossione che comprende il periodo 2000-2016. Anche chi aveva aderito alle precedenti sanatorie ma ha saltato il versamento delle rate (31 luglio e 2 ottobre) potrà riprendere il terno pagando entro il 7 dicembre. Scudo fiscale ter: Arriva lo scudo fiscale ter, pensato per i transfrontalieri e per gli italiani che in passato sono stati residenti all’estero, che sono tornati a vivere nel Belpaese ma che hanno lasciato i soldi fuori dai confini nazionali. Basterà pagare il 3% della somma da sanare; la domanda per aderire allo scudo ter potrà essere trasmetta fino al 31 luglio 2018; il versamento potrà essere effettuato in un’unica soluzione entro il 30 settembre 2018 o ripartito in tre rate mensili consecutive, con versamento della prima tranche da effettuare entro il 30 settembre 2018. Studenti under 14: Gli studenti under 14 potranno lasciare uscire da scuola soli, ma i genitori dovranno dare l’autorizzazione scritta. Stalking: Viene cancellata la norma introdotta in estate, che declassificava alcuni reati tra cui lo stalking, consentendo di estinguere il reato pagando una multa anche nel caso di mancata accettazione da parte della persona offesa. ”Alla luce dell’elevato numero di donne italiane vittime di stalking si ritiene necessario non far ricadere il reato tra quelli per cui è applicabile l’istituto della giustizia riparativa”, si legge nella relazione illustrativa. Cannabis medica: Per assicurare la produzione della cannabis a uso medico viene autorizzata la spesa di 1,6 milioni di euro da destinare allo stabilimento farmaceutico militare di Firenze. Con la norma di provvede ad affermare, anche con una norma primaria, ”la necessità della garanzia della continuità dell’approvvigionamento di cannabis, che – si spiega nella relazione tecnica – costituisce un obiettivo indefettibile per la prosecuzione delle terapie”. La stessa disposizione individua il meccanismo dell’importazione quale strumento utile, in via generale, a perseguire l’obiettivo di avere a disposizione il prodotto in modo continuativo sul territorio nazionale.