Pene pesanti per le belve che massacrarono un uomo nella metro di Roma (video)

giovedì 16 novembre 18:46 - di Redazione

Si era permesso di dire che non si poteva fumare nel vagone della metro, lo assalirono in tre e le pestarono a sangue. Per quelle belve, protagoniste dell’agguato sulla metro di Roma, filmato dalle telecamere interne, avvenuto il 18 settembre dello scorso anno sulla linea B ai danni del 37enne Maurizio Di Francescantonio, sono arrivate condanne esemplari: 17 anni e 9 mesi di reclusione per Antonio Senneca e 14 anni a testa per Luigi e Gennaro Riccitiello. Ad incastrare gli imputati furono soprattutto le immagini della videocamera a circuito chiuso che immortalò l’intera scena con l’aggressione gratuita compiuta ai danni della vittima e della madre. Di Francescantonio, 37enne residente a Tivoli, subì danni notevoli.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *