Palermo, torna al suo posto la statua di Giovanni Falcone allo Zen

Torna al suo posto, dopo un restauro curato da alcuni giovani restauratori laureatisi in Conservazione e restauro dei beni culturali dell’Università di Palermo, il busto marmoreo del giudice Giovanni Falcone, danneggiato lo scorso 10 luglio all’interno della omonima scuola nel quartiere di San Filippo Neri, a Palermo. La cerimonia di scopertura del busto e la presentazione del lavoro di restauro sono in programma lunedì prossimo, alle 11.15, nell’istituto di via Marchese Pensabene. A promuovere il restauro è stata l’associazione nazionale dei Funzionari di Polizia, in collaborazione con il Comune e la Questura di Palermo. All’indomani di quel gesto e del clamore mediatico che suscitò nel Paese anche per la vicinanza temporale con il 25esimo anniversario della strage di via d’Amelio, infatti, il segretario nazionale dell’associazione nazionale Funzionari di Polizia, Enzo Letizia, assunse l’impegno di farsi carico del restauro dell’opera, “a testimonianza e a suggello di un legame inscindibile che ha unito Giovanni Falcone e la Polizia di Stato, sia nella sua vita da magistrato che in punto di morte”. A quell’appello hanno subito risposto quattro giovani restauratori dell’Ateneo di Palermo. Il busto sarà collocato all’interno dell’atrio di ingresso della scuola. Alla cerimonia saranno presenti le autorità cittadine e i familiari del giudice Falcone.

(Foto Antimafiaduemila.com)