Obesità e anoressia mandano in tilt il buonumore: prevenire è possibile

Era immaginabile ma arrivano le conferme da un nuovo studio dei ricercatori dell’Università dell’Illinois pubblicato sulla rivista Neuropsycopharmacology. Molto spesso infatti dietro depressione e ansia si nasconde lo squilibrio di peso. Un peso troppo basso o l’obesità infatti alterano l’ormone allopregnanolone che fa provare sensazioni di benessere. Troppo peso o troppo poco peso mandano in tilt il sistema che trasforma il progesterone in allopregnanolone. L’anoressia e la bulimia rappresentano , fra l’altro, un male che colpisce sempre di più le persone giovani. Lo studio ha coinvolto 12 donne con anoressia nervosa, 12 donne di peso normale , e 12 obese. Nessuna di queste aveva ricevuto una diagnosi di depressione o preso antidepressivi precedentemente. A tutte oltre alla compilazione di un questionario è stato effettuato un prelievo di sangue. Si è visto come l’allopregnanolone si dimezzava nelle anoressiche e si riduceva del 60% nelle obese rimanendo invece la quantità di progesterone inalterata segno che qualcosa nella via di trasformazione del progesterone in allopregnanolone si inceppava. Il grado dei disturbi d’ansia aumentava più l’allopregnanolone era basso. La sfida futura per cercare di curare questi problemi comportamentali sarebbe quella di utilizzare  molecole in grado di aumentare la produzione di “allo” come antidepressivi alternativi a quelli già in uso che non sono completamente efficaci.