Norimberga 72 anni fa: l’assurdità dei vincitori che giudicano i vinti

Con la lettura dell’atto d’accusa, si apre il 20 novembre 1945 a Norimberga il processo contro i crimini del nazismo che si concluderà con 12 condanne a morte, 7 a pene detentive  e 3 assoluzioni. Il principale imputato, Hermann Goering sfugge al  capestro, suicidandosi con una fiala di cianuro alla vigilia dell’esecuzione

“Tutti noi sappiamo che in realtà quel tribunale è stato organizzato dai vincitori per giudicare e condannare i vinti. C’è chi, al proposito, ha osservato che la vittoria più completa non consiste nel distruggere fisicamente il nemico in guerra ma nel processarlo e condannarlo ad ostilità sul terreno concluse, perché ciò significa che la sua sconfitta è irreparabile, estendendosi dal piano militare a quello etico e simbolico”. Chi esprime questo severo giudizio non è un neonazista e neanche un pensatore conservatore o di destra: è anzi uno dei filosofi che hanno fissato i princìpi dell’odierno cosmopolitismo giuridico, quello, per intenderci, che ha portato al Tribunale penale internazionale con sede all’Aja. Parliamo di Hans Kelsen, uno dei grandi giuristi del Novecento, fautore  del primato della giustizia sulla politica. Era stato lui stesso, mentre la guerra era ancora in corso, a teorizzare la nascita di un Tribunale internazionale come centro-motore di un nuovo ordine mondiale orientato al mantenimento della pace e alla tutela dei diritti dell’uomo.

Se persino Kelsen aveva da ridire, significa proprio che il Tribunale di Norimberga nacque con qualcosa di sbagliato alla base, con una confusione tra princìpi giuridici e interessi politici che ne minava la solidità teorica e il funzionamento pratico. Innanzi tutto il grande giurista criticò il fatto che la Corte era composta solo da rappresentanti dei Paesi vincitori, laddove sarebbero dovuti essere presenti anche giudici provenienti da quelli neutrali. In secondo luogo, a parere di Kelsen, non si dovevano giudicare soltanto i crimini commessi dai nazisti ma anche le violazioni ai princìpi di umanità commesse dalle altre potenze belligeranti e quindi le atrocità compiute da americani, inglesi e sovietici. Solo in questo caso il processo di Norimberga avrebbe costituito un vero precedente per la costruzione di un sistema mondiale realmente orientato verso la pace e la tutela dei diritti dell’uomo. Ma tutto ciò non era evidentemente negli obiettivi degli Alleati e di Mosca.

“Se i princìpi applicati nel giudizio di Norimberga -così concluse Kelsen- dovessero diventare un precedente, allora al termine della prossima guerra i governi degli Stati vittoriosi giudicherebbero i membri degli Stati sconfitti per aver commesso crimini definiti tali unilateralmente e con forza retroattiva dai vincitori. C’è dunque da sperare che questo non avvenga”.

Ci sarà pure un motivo se, a 72 anni da Norimberga, della presenza del Tribunale internazionale penale permanente dell’Aja non si accorge nessuno. Gli Stati Uniti, principale potenza militare mondiale, si sono rifiutati di ratificarne la nascita.