Myanmar, contro i rohingya in atto una pulizia etnica da parte del regime

mercoledì 22 novembre 17:12 - di Redazione

In Myanmar la minoranza Rohingya è sottoposta a un crudele sistema di discriminazione istituzionalizzata e promossa dallo Stato che equivale ad apartheid, è segregata e sottoposta a violazioni dei diritti umani in una ”prigione a cielo aperto”. È la denuncia di Amnesty International, contenuta in un nuovo rapporto sulla crisi in corso nello stato di Rakhine. Il rapporto, intitolato In gabbia senza un tetto indaga e contestualizza la recente ondata di violenza in Myanmar, in cui le forze di sicurezza si sono rese responsabili di uccisioni di Rohingya, di incendi dei loro villaggi e della fuga di oltre 600.000 persone in Bangladesh. L’indagine, durata due anni, denuncia che le autorità di Myanmar limitano gravemente ogni aspetto della vita dei Rohingya che abitano nello Stato di Rakhine, confinandoli in un’esistenza ghettizzata dove è arduo accedere alle cure mediche e all’istruzione e obbligandoli persino a lasciare i loro villaggi. Questa situazione corrisponde da ogni punto di vista alla definizione giuridica del crimine contro l’umanità di apartheid. ”Le autorità di Myanmar stanno imponendo a uomini, donne e bambini rohingya una vita di segregazione e terrore, in un disumano sistema di apartheid. I loro diritti sono violati quotidianamente e la repressione negli ultimi anni si è intensificata”, ha denunciato Anna Neistat, Alta direttrice di Amnesty International per le ricerche. ”Questo sistema appare destinato a rendere la vita dei rohingya umiliante e priva di speranza. La brutale campagna di pulizia etnica portata avanti dalle forze di sicurezza di Myanmar negli ultimi tre mesi è l’ennesima, estrema dimostrazione di questo atteggiamento agghiacciante”, ha aggiunto Neistat.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *