La Ue sbugiarda il governo: «I conti peggiorano, dovete dire la verità agli italiani»

In mattinata il premier Paolo Gentiloni si era lasciato andare a un certo ottimismo, nel corso dell’intervento all’inaugurazione dei cantieri Open Fiber, a Campli in provincia di Teramo. «I dati Istat ci parlano di una crescita tendenziale dell’1,8%. L’economia italiana accelera per merito delle famiglie, delle imprese e dei lavoratori. Solo 5 mesi fa le previsioni ci davano allo 0,8%, da questo punto di vista siamo campioni mondiali di salto in alto. Il sistema italiano si è messo in moto». E a fronte dei dati di oggi dell’Istat, per tutta la giornata sono piovuti commenti entusiastici di tanti esponenti del Pd, renziani compresi (anche laBoschi, ovviamente) pronti a cavalcare il tormentone della ripresa.

La Ue non condivide l’ottimismo del governo

Peccato che da lì a qualche ora sia arrivata la doccia fredda da Bruxelles, pronta a sbugiardare l’ottimismo del governo e la retorica sui conti pubblici in ordine. «La situazione in Italia non sta migliorando, la sola cosa che posso dire è che tutti gli italiani dovrebbero sapere qual è la situazione, quanto alle nostre decisioni ne saprete di più la prossima settimana», ha detto il vicepresidente Ue Jyrki Katainen,  rispondendo alla domanda se l’esecutivo abbia l’intenzione di inviare all’Italia una nuova lettera. Katainen, implicitamente, ha confermato il possibile arrivo di un nuovo “ammonimento” all’Italia: «La decisione sull’Italia sarà presa la prossima settimana, non voglio pregiudicarla». A chi gli ha fatto notare che la crescita economica dell’Italia nel 2017 è all’1,5%, un livello che il Paese non vedeva da tempo (e molto di più del +0,9% stimato dalla Commissione nel maggio scorso), Katainen ha replicato di avere in mente “solo i dati pubblicati nelle previsioni economiche di autunno, che mostrano chiaramente una deviazione dall’obiettivo di medio termine, quando guardiamo al saldo strutturale. Non abbiamo dati segreti”. Il governo, invece, su quei dati dell’Istat sul Pil gioca con le tre carte…

La necessità di non dare i numeri…

«L’orientamento di base – insiste Katainen – è che dobbiamo essere onesti. Con tutti i Paesi, non solo con l’Italia. Ma dobbiamo essere onesti e far conoscere ai cittadini la situazione reale. Alla gente può non piacere ciò che dice la Commissione, ma dobbiamo essere onesti. Specialmente – conclude – nei Paesi in cui ci sono elezioni in vista, la gente deve sapere qual è la situazione reale, e poi possono decidere liberamente quello che vogliono decidere».